have you ever been to india?

mi trovo a parlare con una signora americana, e finiamo a parlare dell’india.

mi chiede se ci sono mai stata.

rispondo di sì, che ci sono stata dieci giorni, per lavoro.

mi chiede come sia sopravvissuta.

sorrido.

mi dice “immagino non sia semplicemente mai uscita dall’albergo, mangiando lì, uscendo solo per lavorare e rientrando di corsa…”

rispondo: “a dire il vero ho fatto esattamente il contrario, ho fatto lunghe passeggiate, ho preso i tuk tuk, ho mangiato fuori, ho conosciuto molta gente e visitato posti meravigliosi”.

la signora sgrana gli occhi. viene da manhattan  e si chiede come possa essere vero.

non le dirò che in america ho avuto più paura che in india, che a chicago incontrai l’uomo senza pollici, che a greenville l’unica cosa che c’era da vedere era il kentucky fried chicken sulla superstrada.

le dico soltanto che in india naturalmente occorre fare attenzione a cosa mangiare.

che in india si viene messi di fronte alle contraddizioni del mondo e che a volte il confronto ti fa andare in tilt, che sì, è vero, la gente è molto povera, sì, è vero, i bambini giocano nei rifiuti mentre una mucca cammina a pochi metri.

le dico anche che ho mangiato cose buonissime, parlato di divinità delle più strane, capito molte cose che prima non capivo, sentito il caldo entrarmi dentro, annusato gli odori più disparati, visto i colori dell’iride, visto le statue di buddha assomigliare in modo incredibile a alessandro magno, visto il sorriso di perla dei sikh, comprato vestiti fatti apposta per me da un sarto che non sapeva la mia lingua.

lei mi ascolta scuotendo la testa.

non andrà mai in india, non ha intenzione di ammalarsi.

al massimo, dice, potrebbe fare del turismo in uno di quei posti dove l’aereo ti lascia e ti riprende, dove non esci dal villaggio e dove non rischi nulla.

sorrido.

il mondo è altrove.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a have you ever been to india?

  1. AD Blues ha detto:

    Mi pare di vederla la tua signora americana ;)

    Avrei dovuto scattare foto delle facce fatte da alcuni miei parenti ed amici (anche giovani) quando gli dissi che andavo 20 giorni a Nuova Delhi a fare volontariato ;)
    Purtroppo paraocchi e pregiudizi sono difficilissimi da superare.

    —Alex

  2. cugifà ha detto:

    La paura dell’ignoto, del diverso, è sempre grande, ma quando l’affronti, lo vivi, ti ci immergi dentro, allora capisci che poi in realtà queste grandi diversità non ci sono!

  3. giovanni ha detto:

    sono stato in India con la mia compagna, meraviglioso Paese che rivredro’ presto……

  4. donna allo specchio ha detto:

    io invece la capisco alla grande la signora americana, se c’è un paese al mondo dove non metterei piede è proprio l’india. Sono stata in Cina e mi è bastato: dove c’entrano 10 persone là ce ne stanno 20. La premessa che è io non amo l’Asia alla base.
    Senso di soffocamento. Posti molto belli, questo si, ma troppa gente che marcia compatta. ricordo ancora alla stazione di Hangzou, mi sono chinata per raccogliere la valigia ed ho sentito la gente camminarmi sulla schiena, Una sensazione orribile. Mi sono rialzata istintivamentte e li ho fatti cadere. Mors tua, vita mea. E molta povertà, troppa. Credo non resisterei all’India. E il contrattare, sempre. Ed il fatto di non poter essere liberi di andare dove si voleva perchè è una dittatura, ed in alcune zone non puoi andare. Ed il fatto che non sei libera del tuo tempo.
    Grandi spazi, si, ma io detesto gli spazi urbani. Amo la natura. L’ignoto è bello, ma quando puoi gestirtelo da te. quanto al diverso, c’è un limite a tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...