con matteo a parlar di pinocchio

c’è un bambino, che si chiama matteo, che conosce bene la favola di pinocchio.

quella “vera”, quella col pescatore verde, quella col cane melampo, con la lumaca e col pesce cane.

ci siamo divertiti un bel po’ a farci le domande sui personaggi più strani e lui li sapeva tutti o quasi e anche io tutti, o quasi.

perché a me, pinocchio, mi garba, e anche tanto.

perché pinocchio ha i piedi di legno e la zucca di legno e il naso lungo.

e ha dei pantaloncini verdi e la blusa rossa e il berretto in testa, e dice bugie, se ne pente, le ridice, combina guai, marina la scuola, fugge via lontano con lucignolo, diventa un ciuchino, lo mangia il pescecane, riesce a uscire, diventa un bravo burattino e un giorno si sveglia che è diventato un bimbo vero.

nel frattempo conosce, in ordine sparso, un gatto e una volpe, un tonno, dei conigli neri e l’idea della morte, dalla quale scappa bevendo le medicine, un grillo parlante che prende a martellate, dei burattini come lui, il padrone mangiafoco, una lumaca lenta lenta lenta, una fata, ora bambina ora capretta ora signora, e vive mille avventure.

ed è stato bello bellissimo chiacchierare di pinocchio con qualcuno che lo conoscesse quanto me, mi sono sentita fra pari e mi sono divertita tantissimo.

perché a volte mi capita di parlare con i grandi, di pinocchio, ma loro ne sanno poco o nulla e diventa subito tutto noioso, perché non ricordano il confetto ripieno di rosolio, e i cavolfiori della fata, non ricordano il sapore immaginato di un panino imburrato di sotto e di sopra, la paura di prendere le medicine, di svegliarsi una mattina con i piedi andati in fumo nel braciere, la voglia di avere una settimana fatta di sei giovedì e di una domenica, come nel paese dei balocchi, la paura di diventar somari, la voglia di diventare veri, un giorno.

per cui grazie matteo, è stato davvero bello chiacchierare con te.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a con matteo a parlar di pinocchio

  1. tiziana ha detto:

    Ah ah.. all’inizio pensavo tu volessi parlare di renzi.. :-)
    Anche a me piace molto pinocchio e sono tra quelli che si ricordano tutto o quasi.

  2. donna allo specchio ha detto:

    ah ah Anche io pensavo volessi parlare di Renzi. A me invece pinocchio piaceva da bambina, ma poi ho scordato tutto. A pinocchio preferivo pippi calzelunghe

  3. donna allo specchio ha detto:

    lucettina mi fai pensare a mia mamma che a 80 anni ha ‘o cuore bambino’. Io la sfotto un po, ma è’ un complimento.

  4. cugifà ha detto:

    Stasera Matteo leggerà il tuo post e lo farò commentare, io intanto aspetto il prossimo dibattito di pinocchite per riavervi a casa, stavolta pizza e birra promesso, e nulla sarà a …. soqquadro!

  5. fiodor ha detto:

    Anche secondo me Pinocchio te l’ha fatto venire in mente Renzi, l’hai incontrato all’Osteria dei Farabutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...