all’elastico

su facebook girano i ricordi di infanzia e di gioventù: cassette tdk, gettoni del telefono, il ciao, il walkman, e un sacco di altri mostri preistorici di cui i ragazzi nati negli anni novanta (vi comunico che sono adulti e sono in mezzo a noi, la cosa fa impressione anche a me) ignorano l’esistenza.

fra tutti, stamani, mi è capitato sott’occhio l’elastico, e mi ha stasato un mondo di ricordi.

l’elastico era un elastico da sarta, di quelli che si comprano per rimetterli nell’orlo dei pantaloni del pigiama slabbrato, o della tuta, quelli bianchi, larghi circa mezzo centimetro e lunghi a piacere.

ogni casa lo possedeva, e veniva concesso ai bimbi dopo aver estorto la mendace promessa di restituirlo.

con un paio di metri di elastico chiuso a cerchio con un nodo si poteva infatti giocare.

occorreva un numero di giocatori superiore a tre, cosa che forse, oggi sarebbe complicato avere.

ma a farneta un piccolo branco di bimbi era sempre a disposizione.

l’elastico veniva passato intorno alle caviglie di due dei giocatori messi uno di fronte all’altro, in modo da fare un rettangolo dalla larghezza variabile.

il terzo giocatore doveva saltarlo, contando i giorni della settimana e riservando qualcosa di speciale alla domenica: la domenica andavano pestati i due lati lunghi dell’elastico con entrambi i piedi.

fatta tutta la settimana l’elastico veniva spostato prima ai polpacci, poi alle ginocchia, poi alle cosce (livello avanzato) e mi pare di ricordare fino al livello mostro “il culo”.

l’ultimo, “al collo” era solo un giro di gloria, perché bisognava solo passarci sotto.

all’elastico si giocava d’estate, di solito, scalzi, di solito, sul lastrico caldo di sole.

c’erano gli atleti dell’elastico, spesso coincidenti coi bimbi più grandi, e le schiappe, i piccini e me.

all’elastico era considerato un gioco da femmine, non saprei come mai, ma a volte, spinti dalla noia come i lupi fuori dal bosco, venivano anche i maschi.

l’elastico veniva interrotto solo per un sacro motivo: la merenda.

la merenda veniva fatta in casa mia o di santina e aveva due pilastri assolutamente inconciliabili.

pane e nutella.

pane e pomodoro strusciato.

non erano la stessa cosa.

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a all’elastico

  1. AD Blues ha detto:

    Infatti pane e pomodoro, magari fatto con un pomodoro appena colto nell’orto ed ancora caldo di sole, era MOLTO meglio!!!

    —Alex

  2. nonunacosaseria ha detto:

    pane e nutella, meglio ancora quella nutellaccia metà bianca e metà color nutella.
    all’elastico c’erano numerose varianti. per esempio, saltare con la gamba destra dentro e la sinistra fuori, poi tutte e due dentro, poi la sinistra dentro e la destra fuori, poi girarsi e rifare il percorso inverso…
    comunque confermo: era un gioco da bimbe. il maschio quando arrivava era per fare lo sborone. io infatti ci ho sempre giocato poco.

  3. meme ha detto:

    era un gioco bellissimo!! che ricordi!! però, scusa, al “collo” non bisognava mica mettersi l’elastico sotto il mento e passarlo sotto l’altro filo e poi prendere il suddetto altro filo dietro il collo e uscire??!! comunque era bellissimo!!! :)

  4. cugifà ha detto:

    oltre ai giorni della settimana in fondo c’era pure la virgola e punto e virgola! Degli intrrecci che dovevano essere fatti con i due lati lunghi….
    ero un campione!

  5. ondalunga ha detto:

    quanto ci ho giocato. Confermo : era considerato un gioco da femmine. Ci si facevano certe acrobazie.
    All’epoca i bambini e le bambine potevano sudare saltare e sporcarsi e udite udite: anche cadere e farsi male!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...