catastrofe assicurata

no, non voglio parlare del governo renzi. sono anni oramai che non vengo smentita, ma purtroppo l’unica cosa che mi resta da fare in politica è sperare ardentemente di sbagliarmi, per cui lo farò anche in questo caso. spero tanto di dovermi ricredere, fine del discorso.

regolarmente mi arrivano le petizioni su “firmiamo.it” ignoro cosa posso aver fatto di male in una vita passata o, forse ancor più gravemente, in quella attuale, per essere finita in questa mailing list dell’assurdo, verosimilmente qualcosa avrò firmato anche io.

l’ultima in ordine di tempo si intitolava “assicuriamo le catastrofi naturali!” e il titolo mi ha fatto così ridere che invece di eliminarla immediatamente ho deciso di lasciarla per un po’nella posta.

addirittura l’hashtag era #catastrofeassicurata e mi ha fatto sbellicare.

è impressionante la quantità di temi, più o meno assurdi (questo magari non è neanche un tema assurdo, ma il modo in cui viene presentato è decisamente infelice) più o meno impegnativi che si pensa di propagandare con una catena di sant’antonio.

in fin dei conti viviamo nell’epoca del partito evanescente, della gente evanescente, dell’indignazione evanescente, dell’impegno evanescente.

una firma on line per una petizione non si nega a nessuno e il proliferare di siti che si offrono per tali servizi la dice lunga, lunghissima, sul concetto di evoluzione della democrazia diretta.

in fin dei conti gente del genere è finita in parlamento, e non solo dalle parti 5 stelle, l’evanescenza regna sovrana, nei discorsi dei politici fino a quelli della gente.

sempre per non parlar di renzi, mi sta mandando in bestia in questi giorni il coso che gira su facebook sulla ceres offerta “a chi ha votato renzi alle elezioni”, malcelata ironia che si accompagna ai cori di indignati perché renzi non è stato “eletto dal popolo”.

in italia nessun presidente del consiglio dei ministri è eletto dal popolo, e il governo di renzi è sia democratico che costituzionale, le segate che girano su facebook sbagliano mira, non è su questo che gira il “problema renzi”, anzi, pensare che la questione sia quella sposta l’attenzione dai veri problemi, il PD come partito, il futuro della sinistra e con lei quello del paese.

ma noi siamo troppo impegnati a firmare on line petizioni che si chiamano catastrofe assicurata o a indignarsi su cose inesatte per prendere le gambe e andare fuori, incontrare gente, parlare, discutere, litigare, confrontarsi.

perché farlo, se laura-firmiamo.it, o marco-firmiamo.it pensano già a cosa sottoporre la nostra attenzione?

vuoi mettere indignarsi a comando per cose che non vogliono dire nulla o, peggio, sono bufale tirate ad arte?

pensavo che la televisione ci avesse rincoglioniti, ma non avevo ancora conosciuto internet.

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a catastrofe assicurata

  1. Megant ha detto:

    Non c’è verso, l’italiano medio non comprende che va a votare per i DEPUTATI e SENATORI che poi voteranno la fiducia al Presidente del Consiglio. L’italiano medio è presidenzialista da anni e c’è tanta tanta ignoranza sul diritto, anche su quello più elementare, persino sulla Costituzione che sarebbe facilmente leggibile e comprensibile anche per chi non ha mai fatto diritto. Su questo possono facilmente attecchire certe minchiate che girano su facebook!!

  2. AD Blues ha detto:

    Io credo che questa menata sul presidente del consiglio eletto o non eletto, sul governo eletto\non eletto non è fatta apposta per distrarre da i veri problemi del PD o della sinistra in genere (sebbene abbia pure questo effetto).
    Per quel poco che posso comprendere io della politica e del marketing (perché ormai pare che le due cose siano indissolubilmente legate) mi pare che tutto sia un frutto (avvelenato) che è stato messo in giro ad arte da berlusconidi e pentastelluti; tanto per rompere i coglioni e fomentare il malcontento.
    Poi ci saranno mille altri validi motivi per detestare Renzi ed il suo governo ma sono troppo difficili da far comprendere alla GGENTE… Capite, no? Meglio ripiegare su slogan facili facili digeribili digeribili.
    Sarò un bastian contrario ma davanti ad argomenti anti-renzi così sfacciatamente taroccati e fasulli mi vien da chiudere un occhio di fronte a quelli più concreti e concedergli almeno una piccola dose di credito…
    Tanto peggio del berlusconi sarà difficile fare.

    —Alex

  3. Donna allo specchio ha detto:

    Io trovo che Renzi prima di dare una coltellata nella schiena a Letta, del suo stesso partito, e solo per ambizione personale, perchè lui non c’era, perchè voleva governare, poteva almeno aspettare. Guiidare saggiamente il PD, portarlo al voto e dimostrare chi era. Invece, no. Ha scalzato Letta, ha voluto fare lui, fasso tutto mi, manco fosse berlusca 2.
    E dire che non ero una fan nenache di letta, ma almeno ha preso l’Italia in un momento difficile e ha provato a fare qualcosa.
    Renzi mi pare totalmente inaffidabile e per una volta mi sono trovata, orrore, a dover condividere il commento di Maurizio Gasparri, fascista della prima ora, adesso Berlusconiano.

    P.S. Chiunque puo far meglio di Berlusconi (che come i lettori di questo blog sapranno non è neanche santo di mia devozione)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...