la finestra di cucina

ho in casa il mio personalissimo calendario per le stagioni.

i primi di gennaio il sole inizia a battere sulla finestra di cucina.

è facile accorgersene anche quando si arrivasse in cucina di sera, perché le piante sono tutte storte e appiccicate al vetro.

quasi tutte le piante del davanzale di cucina sono mezze raccattate o reduci da battaglie epiche.

la più vecchia è un ciclamino, regalato per il matrimonio, che resiste dopo tre anni e mezzo al passare delle stagioni in compagnia di una santa paola regalo della mi’mamma per santa lucia di tre anni fa, una piantina grassa ricavata dalla caduta di una più grande della quale mi dispiaceva buttare il ramo rotto e della quale ignoro il nome, ma è molto simpatica, e di due amarillys che ho preso all’ikea, nella stanza delle occasioni, perché avevano uno stelo troncato.

accanto a questo gruppetto un minuscolo ficus beniamino e una salvia, ricordo del matrimonio di lucia 2, altre due piantine grasse, una regalata dalla zia aurora e l’altra, incredibile esempio di resistenza, attecchita da dei rametti trovati in terra, dimenticati in borsa e poi fatta crescere nell’ufficio del vecchio lavoro in una bottiglietta d’acqua, infine una gerbera anoressica ma combattiva e un’altra pianta grassa trovata al LIDL che era mezza morta e io figuriamoci se la lasciavo lì.

ecco, questo gruppetto spettinato, dalle foglie mai lucide e un po’ zingaro, quando il sole inizia a battere sulla finestra si spalma verso la luce, si storge tutto, sgomita, si protende e si allunga fino a intercettare qualche raggio di sole, quello che poi le farà, d’estate, disperare per il caldo.

ma il sole adesso è appena ritornato e tutta la cucina è in grande festa, le piante sul davanzale, le gatte sul pavimento riscaldato dalla fetta di sole, ed io, che in pigiama mi faccio il caffé, pensando che da ora in avanti si riparte, un minuto di sole ogni giorno di più.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a la finestra di cucina

  1. AD Blues ha detto:

    Te la invidio tantissimo, quella finestra! Le mie sono tutte all’ombra; buone d’estate ma per il resto…

    —Alex

  2. pensierini ha detto:

    Sei una poetessa. Non è piaggeria, è una constatazione.

  3. laperfezionestanca ha detto:

    Cavoli che pollice verde! Più fantastico del naso e dei piedi! Come ti invidio, a me basta guardarle le piante che schiattano. Prima mi crescevano, facevano i frutti, poi da un certo punto in poi….. chissà perché?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...