esopo in chiave domestica

le corbeau et le renardc’era una volta due gatti.

un gattonero e un gattogrigio.

il gattonero era molto goloso, curioso e prepotente, ogni volta che gli veniva dato da mangiare mangiava più in fretta che poteva per andare a mangiare anche la ciotola del gattogrigio.

non che il gattogrigio fosse meno interessato al cibo o meno goloso, no, era solo più remissivo, con poca voglia di combattere per una cucchiaiata di cibo per gatti.

un giorno, dopo aver ricevuto le solite due ciotole, una per uno, il gattonero non poté resistere: smise di mangiare dalla sua ciotola e cedette al desiderio irresistibile di andare a vedere cosa ci fosse in quella del gattogrigio.

il gattogrigio però aveva appena finito di mangiare, era stato, per una volta, più veloce.

così il gattonero scacciò il gattogrigio senza sapere che avrebbe avuto accesso a una ciotola vuota, e il gattogrigio se ne andò con tutta calma a finire quella del gattonero, che non poté far altro che maledire la sua gola e se ne andò, a coda ritta, a cercare un libro di favole di esopo.

così accade a volte ai prepotenti, che per voler troppo, alla fine non stringon nulla.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a esopo in chiave domestica

  1. biba ha detto:

    Eheheheh! Priska for ever!

  2. marcoghibellino ha detto:

    http://www.repubblica.it/scienze/2013/11/29/news/gatti_il_segreto_della_ritrosia_nellevoluzione_riconoscono_le_voci_dei_padroni_ma_le_ignorano-72292164/?rss&google_editors_picks=true

    tzè sempre un passo in dietro questi etologhi, i gatti non ignorano il padrone ( padrone? ) semplicemente LORO hanno insegnato al loro umano dei semplici comandi: nutrimi, pulisci il mio gabinetto, voglio uscire, voglio entrare, lasciami stare, fammi le coccole, non ti muovere , zitto e fatti sprimacciare ecc ecc

    • biba ha detto:

      tzè, i miei gatti vengono sempre quando li chiamo (magari dopo dieci minuti e con un’espressione tipo: ma, mi avevi chiamato?). In compenso riconoscono il suono dell’antifurto della macchina di mio figlio e corrono alla porta quando lo sentono…

  3. gipo ha detto:

    grande priska!

  4. tittisissa ha detto:

    La morale è sempre quella…. ^_^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...