piove (2)

no, stasera non piove, le ruspe stanno piano piano togliendo le frane dalle strade, le cose tornano alla normalità.

ha piovuto tanto, in poco tempo, come succede spesso, dalle mie parti, in autunno e in primavera.

quando ero in india avevo imparato una cosa preziosa dai monsoni: le calzature più adatte quando piove sono un paio di infradito di gomma.

e dagli indiani ho imparato che quando piove la cosa migliore da fare è solo una: aspettare che smetta e nel frattempo non ostacolare quel che cade giù.

noi non lo abbiamo veramente capito, quando piove ci ricordiamo dei fossi non puliti, dei fiumiciattoli cementificati, dei torrenti forzati a passare come cammelli dalla cruna di un ago, in tubicioli striminziti, come se l’acqua potesse fermarsi e passare un poco alla volta senza far troppo rumore.

penso che niente sia più calzante della storia delle ciabatte di gomma.

qui ci piove.

e parecchio.

dobbiamo farcene una ragione.

non dovrebbero esserci abitazioni nelle zone esondabili.

non dovrebbero esserci ponticelli minuscoli sopra a torrenti che gonfiano improvvisamente.

se da un posto passava l’acqua, è possibile che un giorno tornerà a passarci, portando via quello che ci abbiamo costruito sopra.

portando via anche pezzi delle nostre vite, del nostro mondo, e dei nostri beni.

stamani ho visto strade devastate da corsi d’acqua nati in una notte e spariti al mattino.

non poteva essere diversamente, visto che era la strada, fuori posto, non il corso d’acqua.

il fatto è che con l’acqua non c’è molto da fare, non si convince con le buone e spesso neanche con le cattive.

finché non impareremo a girare il mondo con le infradito di gomma l’acqua ci troverà sempre impreparati.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a piove (2)

  1. laperfezionestanca ha detto:

    Hai ragione. E anche nella vita dovremmo imparare a girare con le infradito di gomma, leggeri, accettando che non possiamo controllare la maggior parte delle cose.
    E adesso bando alle riflessioni filosofiche. Qui a Napoli si schiatta di caldo, c’è un sole fantastico e un cielo azzurro azzurro. Siamo ancora a maniche corte e scarpe aperte. A Stromboli ieri mia madre di 80 anni faceva il bagno felice. Accidenti, che differenza!

  2. AD Blues ha detto:

    Anche senza infradito basterebbe ricordarsi che la natura è sempre più forte, tutto qui.

    —Alex

  3. crash ha detto:

    la natura deve essere sempre rispettata…sia che si tratti di pianura, di montagna o di mare…la storia insegna.. (La istoria è la maestra delle azioni nostre- Niccolò Machiavelli)

  4. donna allo specchio ha detto:

    Con le infradito? con un paio di stivali di gomma direi per non bagnarsi!! pero gli stivali di gomma appesantiscono
    si ho capito il messaggio… le infradito, con poco, senza pesi, senza paura, bla, bla, bla
    non fa per me!!!!

  5. tittisissa ha detto:

    Io sono pronta, ne ho ben due paia, di infradito di gomma! ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...