arrivata

L’aspettava da giorni, al punto che passandogli vicino mi sentivo in colpa, io che la desideravo ancora lontana, a vedere lui che la bramava così intensamente.

aveva resistito stringendo le foglie, come si fa con i denti e con i pugni, quando la strada o la vita ci mettono in difficoltà.

ma non lo aveva dato troppo a vedere, nessuno quasi lo notava.

non i tedeschi, intruppati dalle guide microfonate e ammirati dal vedere un arancio in una piazza, come un unicorno nelle favole o un pavone albino al palazzo del re.

non i ragazzini vocianti e pieni di cose da sussurrare ai quattro venti, che i segreti dei ragazzi li sanno anche i muri e sotto l’arancio si raccontano meglio.

non le macchine dei furbi parcheggiate di straforo nella piazza e usate dai gatti come reggia temporanea.

non la macchina che pulisce le strade, orrendo ammasso di ferro e rumore, che gli gira intorno come una casalinga annoiata gira intorno alle pantofole del marito che guarda i goal in tv.

e ora che piove e che si guarda fuori dai vetri gocciolati, si vede lui, rivolto al cielo, con le foglie verde acceso, unico colore contro il grigio del selciato, si sente respirare il suo sollievo, si percepisce l’odore delle radici bagnate, pur se prigioniere in una conca di dubbia architettura.

l’arancio è felice, la sua risata si sente fin qui.

i gatti si sono nascosti fino a che non smetterà di piovere, la gente passa di corsa, lui si gode quello che tutti speravano arrivasse più tardi possibile.

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a arrivata

  1. AD Blues ha detto:

    Son contento per l’arancio…
    A me però girano le balle a mille!
    Ma poi, dico io, ‘un si poteva far bastare anche una secchiata d’acqua nel conchino??? :-D

    —Alex

  2. tittisissa ha detto:

    Gli aranci sono spettacolari. E però la pioggia rompe un po’, ha ragione Alex!

  3. cugifà ha detto:

    Quale migliore occasione di una giornata temporalesca per starsene seduti in casa sul divano a rilasarsi, guardando un bel film (o un cartone animato con figlio annesso), riposando le stanche membra ….. a me è toccato stare chiuso in casa e lavorare come uno schiavo per riportare, almeno tre stanze della casa, ad un livello di accettabile visibilità, il caos regnava sovrano da molto tempo! Troppo tempo!

  4. pensierini ha detto:

    Sei una poetessa in prosa. Non ti sto prendendo in giro, dico davvero.

  5. Donna allo specchio ha detto:

    non parliamo di pioggia che qui sembra di stare a novembre. Sono 4 giorni che piove ininterrottamente con tanto di 15°

  6. laperfezionestanca ha detto:

    Si, vabbè, qua invece schizzichea (pioviggina) appena appena. Fresco di sera e caldo giusto di giorno. Vi volete fare un giretto qui a Napoli? Poesia e prosa incluse!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...