Nel secolo scorso

Il mio nome è in un vecchio librone polveroso.

Di un piccolo comune (che pensa di essere grande, però) della Garfagnana nel quale ho il solo onore di essere nata, ma dove non ho mai vissuto.

Così, per chiedere il certificato di nascita, è lì che sono dovuta andare.

Ho detto il mio nome e la mia data di nascita, alla signora formichini, magra magra, piccola piccola, gli occhiali azzurri e modi gentili.

La signora formichini ha preso un libro enorme, scritto piccolo piccolo, che dentro al libro ci stanno tutte le persone come me e bisogna che ci sia posto per tutti.

Lo ha aperto e dal mare delle parole e delle righe mi ha pescato.

E dopo avermi pescato ha scritto, su un foglio bianco, con un timbro blu, che nel mese di maggio millenovecentosettantacinque, era nata una bambina.

E io mi sono sentita una donna del secolo scorso.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Nel secolo scorso

  1. AD Blues ha detto:

    Siamo in tanti ad essere del secolo scorso e non solo per i libroni polverosi!

    —Alex

  2. mimma ha detto:

    Lettura consigliata: “Tutti i nomi” di Saramago.

  3. tittisissa ha detto:

    Oddio! E io adesso come di dovrei sentire?? @-@

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...