sogni di gloria

era lì, davanti ai suoi occhi, invitante di riflessi azzurri e acciaio.

e non poteva resistere.

antenati ciclisti di generazioni si sono impossessati del sangue di lucettina, che con coraggio ha inforcato la sella ed è partita.

prima con una pedalata leggera, sapeva che la strada era ancora lunga.

poi piano piano ha aumentato, inesorabilmente, il periodo dei pedali, facendo salire i piedi sempre più velocemente, quasi chiamandoli a sé e schiacciando giù con forza.

ha chiuso gli occhi.

la campagna francese si dispiegava davanti a lei.

piccoli villaggi in pianura aspettavano l’arrivo del tour e lei era nel gruppo di testa.

oche starnazzanti attraversavano la via, impazzite dall’arrivo simultaneo di tutte quelle ruote.

poteva vedere nei giardini della gente, appressata sul ciglio, che a sua volta la guardava sfrecciare via, verso file di pioppi lungo canali d’acqua disegnati da qualche giapponese che così immagina la francia.

poteva sentire il profumo delle baguette e dei croissant appena sfornati, vedere i vecchi che perdevano di vista le bocce della petanque per guardare lei, sola al comando, distante dal resto del mondo.

non si sente la fatica, quando si è in maglia gialla.

la musica che le suonava nelle orecchie non la distraeva dalla meta, era solo lo scandire del tempo, delle salite, delle discese, delle pianure così tranquillamente infide, perché in pianura, se non sei bravo, magari è proprio lì che ti riprendono, mandando in malora il passo di montagna appena superato.

la signora montblanc, con indosso un bellissimo grembiule a fiori e una grassa treccia di capelli castani, a un metro dal traguardo urla i secondi che mancano.

meno dieci.

nove.

otto.

sette.

sei.

cinque.

quattro.

tre.

due.

uno.

applausi.

braccia levate al cielo.

la lezione di acqua bike è finita.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a sogni di gloria

  1. tittisissa ha detto:

    Eeeeee…vince Lucettina che taglia per prima il traguardo! :-)

  2. cugifà ha detto:

    sniffa meno cloro … vai!!!!!

  3. crash ha detto:

    …a parte che sei riuscita a descrivere, papale papale, la Francia in due parole….ma.. mi viene un dubbio: stai pedalando dentro una piscina o fuori, per strada…., con tutta questa pioggia…uno…può pensare anche questo…eh !! (p.s. attenzione al cuore con quegli esercizi..se non si è allenati)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...