la facevo più intelligente, professore

monti ha detto che una volta B. ha ingannato anche lui.

che nel 1994 gli aveva creduto.

bravo.

io non ci ero cascata neanche quella volta lì. eppure ero abbbastanza giovane, direi, ero in quinta superiore.

leggevo i giornali (“cuore” era il mio preferito, sarà per quello che io capivo cose che il professore non capiva?), sapevo delle televisioni che avevano rincretinito il paese, sapevo dell’origine misteriosa delle sue fortune, sapevo della sua voglia di entrare in politica venuto a mancare il suo referente principale, bettino l’africano, quello della milano da bere, del cognato, quello del bel mondo.

non avevo bisogno di bunga bunga, di leggi ad personam, di trapianti di capelli, di figure di merda all’estero, di alleanze imbarazzanti ora con la destra classica ora con quella di pontida.

non mi pareva ci fosse bisogno di un grande sforzo di intelligenza, lo vedevo anche a scuola, quelli che ci cascavano non erano esattamente i geni del momento, erano i figli dei ricchi pottini vestiti bene, furbetti e galleggianti, quelli che andavano a ripetizione anche di ginnastica, quelli che erano i professori che non li capivano, quelli che confondevano a storia il parlamento e il governo, il presindente della repubblica con presidente del consiglio dei ministri, che non sapevano leggere e commentare una notizia del telegiornale.

la maggior parte di loro in effetti dopo ha fatto la bocconi, a ben pensarci.

caro professore, durante i mesi del suo governo ci siamo limitati a darle fiducia perché “tecnico” dell’economia, la ritenevamo intelligente e colto, aveva dalla sua quel bagaglio di fiducia a priori che si concede, il primo giorno di scuola, all’insegnante che si presenta in classe.

adesso so che posso anche uscire e bere un caffè, quando lei prova a spiegarmi qualcosa, perché mi sa che perfino io che professoressa non sono, ci prendo più di lei.

ci vediamo a ricreazione, se vuole le  rispiego la lezione.

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a la facevo più intelligente, professore

  1. AD Blues ha detto:

    Battuta ad effetto…

    —Alex

  2. tittisissa ha detto:

    Grande Lucettina! Bravissima. Ti quoto in pieno! :-)

  3. marcoghibellino ha detto:

    io non ero cascato neanche nel tranello del tecnico gesuita

  4. donna allo specchio ha detto:

    Nel 94 venne un amico a casa che bagnava nella politica sin da piccolo entusiasta perche aveva letto il programma di qualcuno che lo corrispondeva: questo qualcuno era Berlusconi. Mi chiese d’iscrivermi ai famosi circoli. io rimasi scettica e non lo feci (a me non corrispondeva affatto, troppo liberal per i miei gusti). Ebbene, dopo un mese questo mio amico aveva cambiato idea. Posso dire con orgoglio che anch’io sono stata più inteligggente di monti (e che il mio amico si è ricreduto in tempo )

  5. gipo ha detto:

    dottoressa, il suo post è approvato con votazione di 110/110, lode e dignità di pubblicazione!

  6. Gianc. ha detto:

    Dipende dalla superiorita’ antropologica degli elettori di sinistra, diciamocelo. Siamo bravi, siamo puri, abbiamo estrema fiducia nel prossimo, siamo ingenui e poi ci rimaniamo male. Ancora mi ricordo con terrore il senso di profonda disillusione e amara, amarissima sorpresa quando il nostro BelliCapelli nel’ 94 vinse nel Lazio contro Spaventa. Pessima, ma utilissima lezione.

  7. angelina66 ha detto:

    Ottimo post. Mi hai fatto ricordare che neanche io gli credetti, nel ’94. E che allora non potevo credere che ci fossero persone che potessero bersi le sue panzane. E neanche adesso posso credere che, dopo lo sfacelo degli ultimi 17 anni ci sia ancora gente capace di rivotarlo. Ma la cosa che in assoluto mi preoccupa di piu’, e’ questa: come lo spiego a mia nipote, 15 anni, bravissima a scuola, ma cresciuta nel suo bozzolo di brava bambina figlia di persone cattoliche e abbastanza di destra che un giornale non lo aprono quasi mai? perche’ loro magari rinfoltiranno il gregge del non voto (deo gratias, in questo caso), ma lei cresce con l’idea che sia meglio non parlare di politica, e si inalbera quando lo facciamo… Questa cosa mi angoscia non poco…

  8. Tiziana ha detto:

    In questo anno gli abbiamo dato fiducia perchè dopo aver visto il peggio del peggio pur di risalire almeno un pochino la china c’andava bene tutto…..

  9. marcoghibellino ha detto:

    eppure mi sfugge qualcosa….. se Vendola dice che in caso di vittoria delle sinistre non alzerà la voce in favore delle adozioni per i gay; e Bersani giura che non farà la patrimoniale …
    Quì il problema non è fidarsi o meno ma resistere all’incazzatura e NON fare qualcosa di davvero antidemocratico , anche se la voglia è tanta

  10. stefafra ha detto:

    Avendo detto giá quella volta “io Berlusconi non lo voteró mai perché é un delinquente”, suscitando commenti tipo “ma perché, ha successo, vuol dire che é furbo” (non comincio neanche a esprimere il perché questa frase sia totalmente sbagliata, secondo me), oppure “ma non é mai stato condannato”, ehem, posso dire anch’io di essere stata piú furba di Monti.

  11. Andrea B. ha detto:

    Lucia vs. Mario Monti 6-0 e Monti sotto il bigliardino..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...