caro re salomone

carissimo re salomone,

frida è appena tornata dal veterinario. era già successo con priska, sono preparata, so che oggi sta male e domani starà bene, che è una micia robusta, vivace, rompicoglioni quanto basta per rimettersi velocemente.

sterilizzare una gatta è un atto di responsabilità, che ho fatto convinta di aver fatto la cosa giusta.

è solo che desidero tanto il tuo anello, quello che ti permetteva di parlare con gli animali, per poterle accarezzare il pelo nero, ora che è in preda alle allucinazioni dell’anestetico, ora che non capisce che cosa le ho fatto fare, ora che sente male e non sa perché, ora che è entrata in una trasportina convinta di andare a fare un giretto ed è tornata a casa affettata senza sapere esattamente dove.

ora che si lecca la ferita, senza capire cosa sia quello spago che le esce dalla pancia, ora che avrebbe forse fame, forse sonno, forse sete, forse paura.

forse.

ora che vorrei poterle stare vicino e invece, come ha detto la veterinaria, le ho messo da bere e da dormire in una stanza buia, tranquilla e da sola, dove dormire in pace.

ora che i miei sensi di colpa combattono con la mia ragionevolezza, ora che vorrei andare di là ma so che andare di là vuol dire disturbarla, entrare nelle sue allucinazioni distorcendo la realtà, senza essere per lei di alcuna consolazione, solo per me, solo per lenire questa cosa che  mi brucia di non poterle parlare, di non poterle spiegare, di non poterla consolare.

se me lo prestassi, almeno per poche ore, io poi te lo ridarei, promesso.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a caro re salomone

  1. Simona ha detto:

    vedrai che passati questi due giorni ti vorrà bene più di prima, come Priska! te ce l’hai di tuo quell’anello, bimba! riesci a conquistare tutti, micette comprese…smacche!!

  2. spiessli ha detto:

    La piccoletta in preda alle allucinazioni? Ordinaria amministrazione, no? Scherzi a parte, vedrai che questa sera sarà come nuova e ricomincerà a sfrantecare facendo le fusa come un trattore ^_^

  3. marcoghibellino ha detto:

    ( da Quello che ci è passato svariate volte )
    lo sai vero che Priska si vendicherà? Non saprai mai quando ne come , ma lo farà. Dopo giorni o mesi, un oggetto fragile, un manicaretto preparato con cura , un abito nuovo ….
    Priska 2 , La Vendetta!

  4. tittisissa ha detto:

    Luci tesoro, io oggi ti abbraccio. Frida si riprenderà in un men che non si dica e sarà la solita monella giocherellona, ma capisco bene come ti senti. Come ci si sente ad infliggere un castigo ad un figlio “per il suo bene”, come a sgridarlo per una marachella fatta in maniera piuttosto severa, anche se non appartiene alla tua natura essere severa, per educarlo. Anche io tempo fa ho fatto “affettare” la mia Martina, quindi comprendo fin troppo bene qual’è la natura delle tue perplessità. Hai agito per il meglio, è innegabile, seppure per meglio si intende un atto che è fonte di tanti dubbi per te. Ma già domani, vedrai, i tuoi dubbi verranno dimenticati, quando il gatto nero riprenderà con la solita vivacità e vitalità la demolizione della tua casa.
    Vorrei averlo anche io, di tanto in tanto, quell’anello..
    A proposito, se Re Salomone te lo dovesse poi prestare, mi ci faresti fare un giretto? ;-)

  5. biba ha detto:

    Ma oggi un po’ di coccole fagliele! Oggi starà meglio, comincerà a bere, forse mangerà qualcosa e farà la pipì… Non la lascerai tutto il giorno sola!

  6. Bruno ha detto:

    Avere accanto il loro dio, che sei tu, è l’unica consolante certezza ,che può alleviare le sofferenze dei nostri piccoli amici di pelo . L’unica confortante e rassicurante. Non lasciarla sola .

  7. stefafra ha detto:

    Ma una grattatina gentile tra le orecchie puoi farla alla micina, almeno sente il tuo odore e si raccapezza un po’…
    Abbracci gattosi a tutta la famiglia, felina e no.

  8. laperfidanera2 ha detto:

    Anche noi abbiamo sempre avuto rimorsi e dubbi quando abbiam fatto castrare i nostri gatti maschi, ormai siamo al 5º… Il 4º, vista la sua scarsa propensione per il sesso, l’abbiamo lasciato intatto finché ai due anni d’età siamo stati costretti per precauzione, dovendolo fare viaggiare in aereo e poi vivere in un appartamentino. Vedendo però tutti i gatti maciullati dalle auto sulle strade, ci sentiamo giustificati.

  9. letteredalucca ha detto:

    piccolo aggiornamento gattonero: sta benone, salta, gioca e mangia e caca come una leonessa. vi saluta e vi abbraccia tutti (fusa e unghiate a zampa aperta comprese, lei è un po’ materiale…).
    :)

  10. vanni ha detto:

    Ed io non commento nemmeno perchè mi ero ripromesso di non tornare più sull’ argomento,dopo che l’ ultima volta sono stato invitato a moderare i toni(ma tu non sapevi che i miei toni erano già moderati).

    Penso che tu sappia già quello che ti direbbe la gatta,ma hai fatto finta di non saperlo.
    Penso che ti direbbe:”perchè mi hai portata in quel posto dove c’ erano quelle brutte luci artificiali?
    Perchè mi hanno fatto una iniezione e perchè quando mi sono svegliata mi sono sentita sbudellata come se mi avessero tolto dei pezzi da dentro di me?Che pezzi mi hai fatto togliere?Forse le ovaie?Allora non potrò più essere mamma,ho perso l’ esperienza più bella che la vita avrebbe potuto darmi,ho perso il senso della vita,non avrò più un gatto(corteggiatore) non avrò l’ amore,sarò soltanto il tuo animale da compagnia,invecchierò zitella e vergine,perchè tu mi volevi bene!Io ti volevo bene e non ti avrei mai tolto l’ amore,il marito,la possibilità di avere una famiglia,tu invece si.
    Perchè mi hai fatto questo?Perchè,tu,mi hai portata ed hai pagato affinchè mi sbudellassero.
    Per il mio bene?

    Allora io ti dico che sono fortunati i gatti a cui voi umani non volete bene,perchè vivono o muoiono da gatti liberi,con il comportamento da gatti e non diventano i vostri animali da compagnia(ovvero i vostri giocattoli viventi).

    Come siete bravi voi umani a mentire a voi stessi:puoi trovare tutte le giustificazioni che vuoi,ma non mi dire che l’ hai fatto perchè mi volevi bene,altrimenti mi tradisci due volte.Forse mi volevi bene,ma al veterinario ne volevi di più,o all’ etologo oppure ai tuoi utenti accondiscendenti,perchè alla fine hai ascoltato loro e non me(e forse nemmeno il tuo cuore).”Dalla gatta castrata(che ancora non ha capito cosa le è successo,ma lo capirà nel momento in cui incontrerà una gatta intera).

    Questo invece lo aggiungo io(Vanni):è insopportabile che sia utilizzato il termine sterilizzare!
    E’ un eufemismo!Si tratta di castrazioni,o meglio ancora amputazioni degli organi sessuali.

    Vuoi sapere che cosa mi fa davvero paura LDL?Tanto lo scriverei comunque,anche se tu non volessi saperlo:ho paura dei deliri delle persone,di quello che la gente racconta a se stessa per giustificarsi o per sopravvivere alle proprie paure e debolezze.
    Questa storia della castrazione per il loro bene somiglia alle giustificazioni che si davano i nazisti quando sterminavano gli ebrei,i quali in tempi recenti hanno trovato le giustificazioni per sterminare i palestinesi,ma anche quelle dei fascisti che maganellavano o quelle dell’ inquisizione che torturava e metteva al rogo e svariate altre.
    Ho paura dei deliri collettivi delle persone,e sono così contento di esserne stato alla larga.

    E poi la cosa buffa,è che l’ infibulazione viene considerata una pratica disumana(giustamente),ma agli animali viene inflitto qualcosa di molto peggio(ovviamente,per il loro bene).

    Vanni Cimini,Firenze.

  11. marcoghibellino ha detto:

    Caro Vanni,
    intanto un abbraccio perchè siamo entrambi del club ” tutti pensano che siamo incazzati e maleducati , ma siamo solo toscani ” , poi entriamo nel merito.
    Non concordo con te , la tua posizione sarebbe filosoficamente corretta se prescindessimo da alcune realtà :
    1) il gatto domestico non è più un animale selvatico . Privato del supporto umano (compreso quello delle gattare ai randagi) perisce o si ammala e diffonde malattie tra i suoi simili o , nei casi migliori torna selvatico ( percentuale di sopravvivenza scarsissima nelle campagne )
    2) Il Gatto , non ha pensieri e/o emozioni UMANE, a volte ne ha di molto simili ( simili anche in modo allarmante ) quindi dobbiamo stare molto attenti ad ” umanizzare” il gatto , che tra l’altro ha comportamenti sociali diametralmente opposti a quelli umani canini ed equini ( tutti animali gregari)
    3) la tua posizione , se è eticamente giusta, non lo è praticamente. Perchè limitare la libertà ai gatti? e le mucche pecore maiali canarini criceti pesci rossi etc etc ? In nome della libertà ( quale libertà? di morire di fame? ) rinunciamo a qualunque animale da compagnia e/o da lavoro e allevamento. L’affetto verso il proprio gatto, o cane o altro, è di tanti tipi diversi , sano o malato, ma questo accade anche per quello della madre ( umana ) per i figli; non si può generalizzare.

    Quello che dici , ha comunque un fondamento di verità, purtroppo ho conosciuto padroni di gatti , che andrebbero loro sterilizzati, da quello che è vegano e cerca di trasformare il gatto in animale vegetariano ( ha rischiato da parte mia due sganassoni, 1 perchè vegano e un altro per crudeltà verso il gatto ) a quella che pur avendo il giardino …io non lo faccio mai uscire, se no mangia gli uccellini …. ( le donne non le picchio, dò solo il nome e l’indirizzo ad una mia amica detta Lady Hulk )

    • vanni ha detto:

      Per cominciare,sono toscano,ma se fosse stato per me in Toscana non avrei trascorso neanche un solo minuto degli ultimi 12 anni.

      Il tuo punto 1 è sbagliato.Se fosse vero,i gatti si sarebbero estinti da un pezzo.
      I randagi campano proprio bene anche senza le gattare,e le malattie si diffondono comunque,anche fra i castrati.
      Infatti il tuo punto 1 lo proponi come dogma senza una dimostrazione.

      Punto 2. Ne tu ne io ne altri possiamo sapere che cosa pensano i gatti,se soffrono oppure no.

      Punto 3.Non è un problema di libertà,bensì di natura:a mio avviso il gatto dovrebbe vivere la propria natura(di predatore)come altri animali dovrebbero vivere la propria,lasciando alla natura stessa il compito di trovare i giusti equilibri,infatti,il gatto ha una mortalità molto elevata.

      L’ unica eccezione è data dalla caccia di selezione:avendo l’uomo sterminato i grandi predatori è costretto a prenderne il posto.

      Per quello che scrivi sui vegani ti quoto in pieno,e aggiungo che molte persone purtroppo fanno la stessa cosa anche con i figli.

      Personalmente castrerei i veterinari e gli etologi,per far vivere sulla loro pelle l’ idea che è per il loro bene!!!!!!

  12. biba ha detto:

    Vanni, mi sembra di aver già risposto alle tue argomentazioni tempo fa e ribadisco ciò che dissi allora. Potrei aggiungere ancora solo questo: non sopporto i talebani di qualsiasi specie siano, perché parlano senza sapere neanche ciò che dicono, solo slogan e frasi fatte, e giocano la carta dei sensi di colpa.

    • vanni ha detto:

      Allora deve esserti difficile sopportare te stessa e i tuoi amichetti,visto sembrate molto più integralisti voi di me,ed altrettanto difficile deve essere convivere con i sensi di colpa.
      Io li ho solo rispolverati,rendendo vani i scacrifici che avevi fatto per soffocarli,ma i sensi di colpa vengono dalle tue scelte e non da quello che ho scritto.
      Anche LDL ha scritto che era molto sicura della scelta responsabile e consapevole,ma poi ha scritto questo post in cui versa un litro di lacrime di coccodrillo:siete proprio sicuri di aver ragione?

      Anche sul parlare senza sapere scrivi qualcosa che ti riguarda:tu non sai quali esperienze di gatti io possa avere mentre io so che tu non hai esperienza di gatti interi,perchè se li trovi li fai castrare,quindi non saprai mai come realmente si comporta un gatto.

      Voi siete quelli che se vi nasce un figlio gay gli vorreste bene purchè smettesse di essere gay.

      Quanto al tuo vecchio commento,non lo ricordo,non credo di averlo neanche letto,visto che non rientrai più sul post(come avevo scritto),sapendo che il dialogo sarebbe stato fra sordi.Avevo già avuto esperienza di dialogo con veterinari(che non molleranno mai la loro gallina dalle uova d’ oro) e soprattutto gattaie che sono spesso persone con difficoltà emotive,solititudine e sindrome dell’ abbandono:hanno bisogno di pensare che il gatto abbia bisogno di loro per trovare un senso alla loro esistenza,e quindi parlare con loro di senso della vita(quando neppure loro hanno trovato il proprio)è come parlare di Fica con i preti che rispettano i voti.

      Conosco un concetto semplice:non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te.

      Tu ce le hai le ovaie Biba?Prova a fartele asportare dal chirurgo,a perdere il desiderio sessuale,la speranza di poter avere figli,ad avere la sola prospettiva di morire di vecchiaia dopo una vita inutile e sedentaria e magari aggiungendo anche di stare in uno spazio chiuso per evitare il contagio da altre malattie.Sei sicura che ti piacerebbe,che questo sarebbe il tuo bene?
      Se ne sei sicura fallo e dimostrami la tua teoria,altrimenti,per me, tu e gli altri sostenitori della castrazione restate solo persone brave ad “essere froci col culo degli altri”.

      • biba ha detto:

        Eppure nella mia precedente risposta (tempo fa, ma tant’è tu non l’hai letta) raccontavo proprio la storia di una gatta intera… Io non soffro di nessun senso di colpa, ne ho parlato a proposito degli integralisti (o talebani) perché a tua intolleranza mi ha fatto venire in mente quella degli adepti alla setta americana degli antiabortisti che si piazzano con i loro cartelli davanti agli ospedali… (e, no, a scanso di equivoci visto che tu riporti tutto al personale, non ho mai avuto questa esperienza…) Ho 60 anni, Vanni, e una certa conoscenza del mondo, felino e umano.

      • vanni ha detto:

        @Biba
        E Berlusconi invece ne ha 75!
        A me non risulta che ci sia proporzionalità diretta fra l’ età e la saggezza,e se fosse saresti meno saggia di lui.Anzi,mi risulta che alcuni anziani,quando non sanno più cosa dire,per sostenere le loro idee,tirano fuori l’ anzianità,come se fosse un merito.
        Ne ho già incontrati parecchi/e,l’ età non mi impressiona.

        Però devo rivedere l’ esempio che ti suggerito sulla visitina dal chirurgo,perchè se hai 60 anni,l’ amputazione delle tue ovaie non influenzerebbe particolarmente la tua vita(adesso).
        L’ esempio vale con una raggazza di 16 anni(magari te 44 anni fa),che sogni il grande amore ed abbia tutta la vita davanti da perdere.Tu non avresti molto da perdere adesso,perchè comunque,quello che dovevi vivere l’ hai già vissuto,e se non l’ hai vissuto l’ hai rimpianto,ma non tornerà.

  13. marcoghibellino ha detto:

    oh bhè era pura illusione che un Ghibellino potesse dialogare con un Fiorentino ^___*

    • vanni ha detto:

      Si Marco,hai ragione.Purtroppo l’ argomento(sterilizzazione dei gatti)mi irrita un po’ e in effetti ti ho scritto una risposta piuttosto severa.

      In realtà volevo solo scrivere che il provincialismo Toscano per me è diventato insopportabile,che qua potrei ottenere fortuna,ricchezza,donne grandi auto e sentirmi ugualmente insoddisfatto,forse per una questione di vocazione o di irrealizzazione più profonda che non può essere soddisfatta da dei beni materiali.

      Conosco persone che vengono in Italia e sono felici come se avessero trovato l’ oro,ovviamente sono stranieri che trovano lavori al nero e sottopagati,affitti a canoni gonfiati,il degrado della città,eppure,questo per loro è un sogno in nome del quale sembrano sopportare di tutto.

      A me la Toscana non fa questo effetto.

      Un pacifico saluto(guelfo?).

  14. donna allo specchio ha detto:

    @vanni: certo che sei proprio un gran maleducato, non mi piacciono per niente le cose che hai detto a biba, le trovo crudeli e gratuite!!
    io non entro nella polemica dei gatti perchè non conosco l’argomento, sia tu che biba , lucia e gli altri avete diritto alle vostre opinioni, ma senza offendere gli altri. non mi piace affatto il modo con cui le esprimi, ne la collera che si percepisce dalle tue parole

      • vanni ha detto:

        Tu invece sei proprio deludente!!!!!!!!!!
        Capisco che ti possa dare fastidio che ci si azzuffi fra utenti sul tuo blog,ma non è colpa mia:all’ inizio ho cercato di evitare l’ argomento della castrazione sottolineando soltanto l’ ipocrisia di chi sostiene che sia per il loro bene,ma la tollerante Biba non ha sopportato neanche quello ed ha pensato bene di insultarmi(perchè talebano è un insulto)e di precisare che non sopportava quelli come me.

        Se i tuoi utenti tolleranti(e particolarmente adatti a sentenziare sull’ integralismo altrui) mi attaccano,io mi difendo!Non porgo l’ altra guancia!

        Ribadisco:Biba meritava le mie risposte.

    • vanni ha detto:

      Ma tu guarda che scherzo del destino:proprio tu che hai per nickname donna allo specchio ritieni che abbia scritto delle crudeltà!
      Ed hai anche ragione,ho scritto delle crudeltà verso Biba perchè quelle sono le crudeltà che lei stessa infligge ai gatti,riflettendo verso di lei quel comportamento che sarebbe il bene dei gatti,e che tu trovi crudele.
      Se è crudele verso Biba allora lo è anche verso i gatti.
      Pertanto quello che hai scritto conferma la mia tesi.

      In ogni caso a me in passato hanno sterilizzato 2 gatti(uno è ancora vivo),ignoti li hanno catturati e castrati.Si tratta di gatti che chiamavo miei nipoti,nati nel mio armadio,sopra dei miei maglioni,dalla gattina che io chiamavo la mia bambina.Quando mi accorsi del profondo cambiamento nel loro modo di comportarsi(la castrazione avvenne a mia insaputa)li portati dal veterinario per verificare i miei sospetti:il veterinario mi disse che mi avevano fatto un piacere,mi avevano fatto risparmiare i soldi.
      Risposi che ero alterato verso gli ignoti benefattori ed il veterinario fece una battuta allusiva in cui sosteneva che fossi scemo.

      Quindi,è normale che quando io tratto questi argomenti possa esprimere una certa ruvidità verso chi sostiene la castrazione!

      Fra l’ altro,in Toscana,si parla di quasi 6000 castrazioni finalizzate alla “lotta al randagismo”,ovviamente,sponsorizzate dalla regione,quindi,soldi pubblici.
      I veterinari invece si mettono intasca mediamente 200€ ad operazione.

      Niente di personale,ma Biba meritava le mie risposte,anzi a mio avviso erano anche troppo dolci(visto che mi ha anche insultato).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...