un risveglio lucchese

sei e quaranta, la sveglia non è ancora suonata, ma sono sveglia lo stesso. decido di alzarmi.

il gatto nero spunta dal suo personalissimo universo parallelo dove va a dormire la notte, nessuno sa dove si trovi, le ultime spiegazioni sono più o meno le seguenti: “chiude gli occhi e scompare”. spunta e corre come una saetta in cucina, interessata a imparare come si fa il caffé, abbrustolisce il pane e dove si trova la marmellata.

priska la gatta invece protesta. lei sta bene a letto. ma solo se nessuno si alza. durante la notte raggiunge l’omeotermia con il piumone, diventando dentro e fuori di circa cinquanta gradi, una stufa al plutonio felino molto utile in caso di riscaldamento basso.

dalle finestre la torre delle ore si tinge piano piano. come le vecchie radio a valvole, ha bisogno di tempo, come me, che trascino le ciabatte verso la moka.

la colazione si prepara quasi da sola, mentre radio 3 racconta di posti lontani.

penso alla giornata, verso il caffè nella tazza svizzera che mi ha regalato Zeta e porto a volume col latte.

le gatte mi guardano e sbandierano la coda. è il momento di svegliare HDC, di sbrigarsi, vestirsi, lavarsi, di iniziare a correre, di andare al lavoro, di pensare a cosa fare e in che ordine farlo.

ancora cinque minuti di gatto però.

solo cinque minuti…

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a un risveglio lucchese

  1. tittisissa ha detto:

    Quella tazza svizzera fa tanta compagnia anche a me, quando al mattino presto, nel completo silenzio, mi sveglio e mi preparo il caffè con il solo aiuto della mia gatta Martina, la quale è lì accanto. Pigramente simstiracchia e mi accarezza le gambe poi reclama il suo contentino.
    Dopo aver saziato il suo mattiniero appetito in genere mi viene in braccio e insieme leggiamo il tuo post quotidiano. Una bella abitudine per cominciare bene la giornata. ;-)

  2. AD Blues ha detto:

    Se il gatto nero impara a preparare la colazione poi me lo presti che a me prepararmela fa un po’ fatica? ;-)

    —Alex

  3. vanni ha detto:

    5 minuti di gatto al giorno levano il medico di torno.
    Ma sarebbe meglio una oretta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...