“perchè ce l’avete con la lega?”

domenica mattina, preparando un pigro caffè  in una cucina incasinata oltre il limite di legge consentito, accendo radio 3, sono passate le otto da pochi minuti, e alle otto la rassegna stampa si trasforma nelle “telefonate degli ascoltatori”. a me, di solito, “le telefonate dagli ascoltatori” mettono il nervoso, ma stavolta, un po’ per noia un po’ per curiosità, (merlo si ascolta sempre volentieri, anche quando gli tocca spiegare a una signora che no, scrivere sulla scheda elettorale “basta condoni edilizi” non è un segnale di civiltà) ascolto le chiamate.

“pronto, buongiorno, son di varese e son della lega e voRei sapere come mai i giornali ce l’han tanto con noi!”

drizzo le orecchie, cosa dirà uno dei miei giornalisti preferiti?

e francesco merlo risponde. educatamente ma seriamente. non posso ovviamente virgolettare, visto che non ricordo esattamente quello che ha detto, ma sinteticamente i passaggi sono stati questi:

1) parlo a nome mio e non a nome della categoria.

2) quello che posso dire è che a me la lega non piace, non è mai piaciuta, non mi piacciono i separatismi, non mi piace chi considera l’immigrato o il diverso una minaccia o un pericolo, amo la grammatica e non amo la volgarità, il dito medio alzato, i metodi, i toni e i linguaggi della lega.

ecco.

ci voleva tanto?

mi verso il caffè con un sorriso amaro sulle labbra. quello che ha detto merlo al militante leghista è quello che ognuno di noi, da vent’anni a questa parte, avrebbe dovuto dire a ogni miliitante, simpatizzante o rappresentante della lega che ha incontrato nella vita.

per troppo, colpevole tempo, abbiamo lasciato che accadesse, abbiamo dato retta a un senso malato della democrazia, pensando che chiunque avesse il diritto di esprimersi, anche se le idee espresse di fatto andavano in un senso contrario alla democrazia stessa.

ricordo ancora quando vidi per la prima volta un parlamentare leghista portare un fazzoletto verde al taschino della giacca mentre si recava in parlamento. come abbiamo potuto permetterlo? come possiamo tollerarlo ancora? quando è successo che abbiamo tollerato al punto  da far credere al signore di varese che il suo fosse un partito come gli altri, solo un po’ più ruspante, solo un po’ meno schic?

quando abbiamo tollerato per la prima volta quel fazzolettino, quandoo abbiamo permesso il giro della padania, le ronde padane, il maiale di calderoli, le impronte digitali di maroni, la bandiera con la quale pulirsi il culo di bossi, i ministeri a monza (a chi oggi blatera di costi della politica farei fare due conti di quanto è costata questa messinscena tollerata, sopportata e voluta dalla maggioranza del paese rintronata come tanti topolini dietro al pifferaio di arcore), quando abbiamo tollerato tutto questo abbiamo confermato, nella testa del signore di varese, che il suo partito fosse rispettabile, ragionevole e normale.

quando non è così.

oggi tutti noi, crollato il “cerchio magico” ci sentiamo quasi autorizzati e più forti nel mostrare la follia del dio po, delle ampolle e di pontida, ma i buoi sono già scappati, in giro per l’italia c’è pieno di signori di varese che non si vergognano di essere leghisti e nessuno glielo ha mai detto.

è ora di cominciare a farlo.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a “perchè ce l’avete con la lega?”

  1. AD Blues ha detto:

    E non dovremmo dire altrettanti dei berlusconiani? Praticamente degli impiegati a libro paga del capo? Tutti tenacemente interessati al proprio tornaconto personale ed a difendere l’indifendible? (per non dire di peggio?)
    Il problema, LDL è che in Italia ci sono più leghisti e berlusconiani che persone come Merlo (e poi sentirsi dire la verità non piace a nessuno)

    —Alex

  2. spiessli ha detto:

    Sarebbe interessante sapere come ha reagito il sciur di varese…

  3. letteredalucca ha detto:

    vero! ma il tipo aveva tirato giù dopo la fine della domanda…

  4. crash ha detto:

    alcune considerazioni….innanzitutto: a domanda idiota del signore di varese…avrei risposto: leggi i giornali, stanno spargendo fiumi di inchiostro, e capirai. Perfetta ed elegante invece la risposta di Merlo. Ancora: a guardare bene….esiste, o è esistito…(che sia finita?…), una separazione tra una cricca di persone che hanno utilizzato il “partito” per scopi unicamente personali, senza scrupoli, con la faccia da culo….e la massa di persone che credevano in alcuni ideali, giusti o sbagliati non entro nel merito, ma soprattutto credevano in loro. In quattro mesi queste persone sono passate dalle stelle alle stalle. E non è finita. Lasciamo che la magistratura faccia il suo lavoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...