ciooccolataaa

avvertenza: questo post è stato scritto in piena estasi da cioccolato sguizzero, non ci fate troppo caso.

è successo che spiesslina ci ha portato una scatola di cioccolatini sguizzeri e ANCHE una scatolina che pensavo fosse una tortina, tipo una sacher, ma mi sbagliavo.

la tortina infatti non era una tortina.

ma una scatolina.

una scatolina…

di cioccolata.

una scatolina vera, col coperchio decorato, bellissima, esagonale.

di cioccolata.

di cioccolata proprio.

non color cioccolata.

neanche finta  cioccolata.

cioccolata cioccolata.

io e HDC ci siamo sentiti hänsel e gretel davanti alla casetta di marzapane.

curiosi come due scimmie abbiamo sollevato il coperchio.

c’erano dentro dei cioccolatini.

una scatola di cioccolatini di cioccolata.

abbiamo deglutito.

e assaggiato il primo cioccolatino.

era una cosa paradisiaca.

tipo un concentrato di bontà, tipo la quintessenza della cioccolata, buona, profumata, cioccolatosa, scura, morbida, morbidissima, come un bacio.

un bacio di cioccolata.

mangiarne un secondo ci è parsa cosa buona e giusta.

era migliore del primo.

abbiamo guardato bene nella  scatola di cioccolatini di cioccolata.

erano dieci.

tutti diversi, tutti curati in ogni dettaglio, come uno scrigno del tesoro.

la scatola verrà mangiata con l’ultimo cioccolatino, come un mandala spolverato via da una brezza di vento, prima il coperchio, con le maschere colorate sopra, poi le pareti e infine il fondo spesso e scuro.

e mangiando un pezzettino di scatolina penserò a spiessli e al suo sorriso, ai bei momenti passati insieme e alla prossima volta che ci rivedremo, magari nel regno della cioccolata, oppure in questo qui del buccellato, che il buccellato fa schifo, ma magari con un quadrellino di cioccolata…

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

7 risposte a ciooccolataaa

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. cugifà ha detto:

    indelicata!
    non posso mangiare praticamente un c…o e stamani apro il blog e vedo sta cosa!!!
    indelicata!
    ;D

  3. 4ngelo ha detto:

    TranCuillo cugifà…se continua così tra un po’ Ni ci vorrà il muletto per essere caricata in macchina…

  4. spiessli ha detto:

    Che rit! :oD
    Contenta che siano (stati?) apprezzati. E non ero nemmeno tanto soddisfatta della scelta: i cioccolatini erano un po’ pochini e avrei preferito truffes o praline, ma non sapevo se sarebbero piaciute anche a voi e comunque quelle me le avrebbero messe in un possissimo sacchettino trasparente.
    La prossima volta scopriamo se vi piacciono anche gli altri! Anzi, se venite su si potrebbe anche andare a visitare una fabbrica e vedere se c’è il signor Wonka.
    Per la cronaca: a me l’anice non piace molto, ma trovo che il buccellato non sia poi tanto male. Buonisssimissssssima la torta coi pinoli sopra!!!

  5. stefafra ha detto:

    Ecco, io quando lavoravo a Friburgo (quello svizzero) ero davanti a una fabbrica di cioccolato/torrefazione caffe. E avevano lo spaccio aziendale, dove potevi trovare le tavolette di cioccolato “non perfettissime” a prezzo d’occasione.

    Che dici, mannaggia l’esperimento non ha funzionato, mi hanno rispedito l’articolo al mittente con critiche cattivissime, oppure meglio ancora, é il compleanno di qualcuno e bisogna festeggiare, cosa si fa? Una puntatina “di lá” a vedere cosa c’é in offerta. E magari farsi una cioccolata calda in tazza.
    Anche se tentavi di fare il virtuoso, ci pensavano i vari aromi di cioccolata o/e caffé che si intrufolavano dalla finestra a farti ricordare quanto vicina fosse la dolcezza.

    Che perfino il mio magrissimo e lunghissimo moroso, che lavorava con me (abbiamo condiviso un ufficio per 3 anni…) riuscí a raggiungere un peso da persona magra normale, invece che da insetto stecco, in un paio di annetti a cioccolata ultrabuonissima.

    Quassú la cioccolata decente la trovi solo nei supermercati cari, oppure nei negozi “di cibi naturali”, il resto é una ciofeca.

  6. mimma ha detto:

    E rieccola col buccellato! Non esiste dolce così delicatamente perfetto e armonioso e soprattutto sempre uguale a quello che mi deliziava tanti anni fa circa due volte l’anno. Naturalmente parlo del vero buccellato lucchese, del Taddeucci! Ogni altro prodotto che si spaccia per buccellato può anche andarsi a friggere (e chissà che non diventi commestibile).

  7. paleomichi ha detto:

    woow!!! :)
    Evviva gli incontri blogghici!!!
    :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...