1 – giudittina arriva in città

giudittina è una bambola molto coraggiosa.

quando arrivò a farneta aveva un vestitino azzurro, un grembiulino bianco con ricamato sopra il suo nome, delle scarpe nere col passante e i biondi capelli vaporosi.

divenne subito molto amica di giorgio curioso e di bobby segugio fedele, la scimmia e il bassotto che storicamente abitavano lì.

vivevano tutti e tre su un letto, ma si spostavano spesso, la moquette della stanza dei giochi era morbida e calda, c’erano le costruzioni colorate, i chiodini, mollette per capelli e biglie colorate.

il mondo di giudittina era semplice, fatto di giochi, signore che bevevano il té, shampoo profumati per i suoi biondi capelli nel lavandino del bagno, bacino che sapeva diventare ora piscina di barbie, ora oceano impervio per barche e sommozzatori, ora salone di bellezza raffinato per bambole che non devono chiedere mai.

poi un giorno venne una strega cattiva.

era brutta, brutta come solo le streghe cattive sanno essere brutte. un orrendo porro peloso sul naso adunco, un berrettaccio nero tutto buchi intorno al quale volavano pipistrelli neri, i capelli, grigi e rossi ritti sulla testa bitorzoluta, i denti neri e una lunga lingua appuntita.

la strega si chiamava Tempo.

Tempo fece addormentare tutti i giocattoli, trasformò la bambina che giocava con giudittina in un’adulta, fece calare la polvere sugli oggetti, disperse le biglie colorate, ruppe i chiodini, macchiò la moquette, la tolse, la sostituì con un pavimento di cotto, trasforrmò la camera dei giochi in una sala dalla televisione accesa su un programma di cucina.

solo bobby segugio fedele riuscì a scappare. le corte zampe lo portarono in salvo, sopra l’armadio, a guardare, con gli occhi fatti di bottoni, la cameretta diventare prima una tana di adolescente, poi la stanza di una giovane donna, infine la camera per gli ospiti fatta di avanzi delle vite degli altri.

un giorno però, un cavaliere senza paura riuscì ad entrare nell’antro della strega.

in una scatola di cristallo chiusa col nastro adesivo trovò giudittina addormentata, la prese delicatamente e la portò al sicuro sul tavolo di cucina, vicino alla scatola dei fili per cucire.

fu facile allora mettere una toppa al  braccio che la strega aveva un po’ rosicchiato, cercare un vestitino nuovo per sostituire quello vecchio sciupato dalla strega, pettinare di nuovo i capelli biondi e farli diventare come una volta “come la morgan”, diceva sempre la bimba che la pettinava.

adesso giudittina è in città, guarda fuori dalla finestra un mondo che non ha visto mai, perchè lei è una bambola di campagna. ma giorgio curioso le racconta un sacco di cose.

per lei sono strane le luci di natale, il viavai della gente, le macchine che suonano il clacson.

ma da oggi in avanti, ogni tanto, lei mi racconterà quello che vede e io lo racconterò a voi, perchè ancora lei è piccola e non sa scrivere.

Questa voce è stata pubblicata in le avventure di giudittina e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a 1 – giudittina arriva in città

  1. Tiziana ha detto:

    Ora ci vuole di nuovo una bambina che giochi con lei….;-)))

  2. hetschaap ha detto:

    Sei riuscita a ricreare un’atmosfera che tutti conosciamo in poche righe. Sei troppo brava :-)

  3. AD Blues ha detto:

    Secondo me è colpa di Giorgiocurioso (quello che proviene dal passato) che ha aperto un wormhole spazio-temporale ed adesso piano piano tutta la Farneta di un tempo si riverserà a Lucca centro…
    Chiedigli quanto manca all’arrivo del bassotto e della biciclettina dalle gomme piene… ;-)

    —Alex

  4. letteredalucca ha detto:

    tizy: eh, magari! ne conosci qualcuna? :D
    grazie hetschaap!
    alex: la bici con le ruote piene no!!!
    ma johnny il bassotto si sta avviando pian pianino!

  5. Simona ha detto:

    bellissimo…riesci a far commuovere..mi mancava un sacco leggere i tuoi post…un bacione!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...