cronaca di un fine settimana speso bene

venerdì sera, la settimana lavorativa finita, una montagna di lavoro scalata e felicemente chiusa.

si cena in un buonissimo ristorante giapponese tenuto, con ogni probabilità, da cinesi, chissenefrega, a dresda ho visto ristoranti italiani tenuti da turchi, (ed erano molto migliori di quelli tenuti da tedeschi! :) ) giapponesi tenuti da vietnamiti (buonissimo) e via dicendo.

abbiamo mangiato veramente bene, io ho potuto raccontare a HDC un po’ di giappone attraverso i piatti che avevo conosciuto lì e che non erano molto diversi anche se cucinati a sesto fiorentino: udon in brodo, sushi fatto in ogni maniera, pollo teriaki, spiedini e sake caldo. il tutto servito con un sorriso che molti dei ristoratori italiani che si lagnano della latitanza di clientela dovrebbero imparare.

poi a teatro a vedere il processo a cavour: pubblico ministero Gherardo Colombo, bravissimo, ma, ancora più bravi, Ruggero Cara nei panni portati benissimo di Cavour e Martina Galletta, un’Italia perfetta, bambina e un po’ scema, romantica, svampita, portata al pianto commosso che scaturisce dalle canzoni risorgimentali entusiasta e infantile nello stesso tempo, un’interpretazione davvero molto, molto bella.

il giorno dopo mostra del giardinaggio sulle mura.

io non ho un giardino, ma perchè non sognare un po’, davanti alle piante di lamponi, di more, di lavanda, di ortensie, di ellebori e hoste…

ho sognato di farmi un secret garden di bulbose, di metterci dentro ogni pianta da cucina, di regalarmi un angolo ombroso, dove leggere un libro, un’amaca, un leccio magari, per ombra, di farmi un’aiuola da vecchia zia, con dentro le piante che amavo da bambina perchè stavano sul terrazzo di mia nonna, condivise con altre mille vecchie in ciabatte e vestaglia, riprodotte, travasate, annaffiate nel tempo ritagliato fra il preparare la zuppa e l’addormentare me.

e mentre passeggiavo persa nei progetti in aria, una voce fresca, di ragazzina mi ha fermato dicendo: “buongiorno signora, (signora???) siamo del liceo scEntifico vallisneri, abbiamo fatto una ricerca sui licheni con la nostra insegnante di biologia, la vuole vedere?”

e io ho guardato il loro apparecchio per i denti, le specie di licheni che conosco così bene e che amo, ognuna classificata col suo cartellino, la mappa delle mura di lucca con gli indici di purezza atmosferica ricavati dalle specie ritrovate sugli alberi e mi sono commossa un po’ con i sorrisi di queste ragazzine, neanche avessi avuto cent’anni più di loro, bimbe della mia vecchia scuola, che mi facevano vedere le piante che avevano seminato in agar e che poi avevano trapiantato.

“prendo questo basilico in provetta, siete state bravissime”.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a cronaca di un fine settimana speso bene

  1. Jane Cole ha detto:

    La voglio anch’io l’aiuola va vecchia zia e pure il basilico in provetta! :D

  2. paleomichi ha detto:

    che bello Luci! Anche il mio fine settimana è stato speso bene :) un abbraccio forte forte!

  3. Adblues ha detto:

    Un ristorante Jappo a Sesto? O dove?
    Poi mi farai vedere come viene su il basilico in provetta!

    —Alex

  4. biancaalba ha detto:

    Bello! Anche io amo il giappo, non saprei se quassù è autentico o meno ma mi piace. Anche qui weekend speso bene, come potrebbe essere diversamente se finalmente c’è sole :-)
    Il basilico in provetta lo vorrei veramente provare…ci sta uguale sulla pizza? Baci.
    Bianca-Hamburg

  5. lucia ha detto:

    si chiama kokosai, tra ikea e l’autostrada!
    per ora il basilico in provetta è lungo un centimetro poco più, appena cresce lo trapianto in un vaso vero e lo faccio crescere al vento.
    un bacione a tutti, domani e martedì sono a Berlino ma spero di riuscire a scrivere qualche cosa.

  6. ADBlues ha detto:

    Buon viaggio!!!

    —Alex

  7. marcoghibellino ha detto:

    ( OT ma Dresden – inerente)
    ho scoperto che anche Dresda ha avuto il suo Robin Hood; …oddio Robin Hood…magari no.. più un Ben Turpin sassone..non rubava solo a chi non aveva niente su Filip von Mengisten alias Lips Tullian è stato perfino fatto un fumetto cecoslovacco pre caduta del muro ^^ .
    Il Mengisten era una specie di passatore assaliva le diligenze alla metà del 1700

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...