la pesca al gatto

via di firenze, tardo pomeriggio, sole radente di primavera.

una terrazza, di quelle dabbene, con le piante grasse nelle fioriere di cotto.

una bambina, ancora dentro al grembiule della scuola, il grembiule blu elettrico che hanno qui, uguale per bimbi e bimbe, io ce l’avevo bianco, i maschi neri. il grembiule che quando iniziava  a far caldo non si sopportava più e che invece, una volta a casa, faceva uggia levarselo, fino a che gli urli di qualche genitore non ti obbligavano a rimetterti in borghese.

la bambina è in piedi su una sedia, guarda in alto, sopra il tettino del terrazzo.

sopra il tettino del terrazzo lui: il gattone.

ad ogni bambina dal grembiule azzurro dovrebbe sempre corrispondere un gattone. i due incarnano la coppia perfetta dell’infanzia, “la bimba col gatto”.

anche il gattone guarda la bimba, sornione e furbo, deciso a non farsi abbindolare.

la bimba lo vuole, vuole prenderlo in braccio, coccolarlo come fosse una bambola, dargli un bacio in testa, la bimba non sa che il gattone non vuole essere baciato, o forse lo sa ma lo ignora volutamente, in fin dei conti ha ragione lei, che male può fare un bacio in testa?

la bimba ha un filo in mano, col quale tenta la pesca del gatto.

slancia il braccio all’indietro come un vero pescatore, e poi velocemente in avanti, perchè il gatto è lontano e ci vuole un filo lungo.

il filo resta impigliato nella pianta grassa alle spalle della bimba, la bimba tira, il gatto sospira.

la pianta ondegga ma resiste, restituisce il filo.

di nuovo parte il lancio.

di nuovo resta impigliato.

il gatto non sa che pensare.

io passo di lì sotto, ho un autobus da prendere, non posso fermarmi molto.

il sole batte sul pelo del gatto e sul grembiule azzurro.

mi manca un po’ essere bambina e pescare gatti.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a la pesca al gatto

  1. marcoghibellino ha detto:

    si taglia l’erba, carponi, col taglia siepi, sfumatura alta al prato per scansare le piante di violetta, dove è difficile, falcetto manuale , sullo scrostatissimo tavolino del barbecue i gatti aspettano guardando quando avrò fatto un mucchio bello alto e soffice di erba ( al sole) ci entreranno dentro trasformandolo in un nido e dormiranno fino ad ora pasti

  2. Lilith ha detto:

    Mi auguro non avesse un amo in cima al filo…come faceva a restare impigliato alle piante un filo volante? Ha fatto bene il gatto a non scendere: mai fidarsi dei bambini, oltretutto “armati”!!

  3. Jane Cole ha detto:

    Da piccola avevo il terrore dei gatti. Che c’entra? Niente. Era così per dire.

  4. ADBlues ha detto:

    Chissà quanto s’è divertito il gatto (sperando che non gli tirasse in testa il vaso!)

    —Alex

  5. 4ngel0 ha detto:

    Secondo me i ghatty si pescano meglio con le aringhe…

  6. biba ha detto:

    Secondo me il gatto si è davvero divertito, ma un giorno o l’altro, quando la bambina non se lo aspetta, scenderà giù e le farà un rapido otto* tra le gambe.
    (dicesi otto quella manovra felina che consiste nel passare in mezzo alle gambe degli umani)

  7. lucia ha detto:

    mi fate schiantà da ride!
    scrivo di corsa solo una cosa per tranquillizzare lilith: no, non c’era nessun amo! era solo un filo per tentare di incuriosire il gatto e farlo avvicinare quel tanto che bastava per prenderlo… :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...