puzzle

All’inizio, l’arte del puzzle sembra un’arte breve, di poco spessore, tutta contenuta in uno scarno insegnamento della Gestalttheorie: l’oggetto preso di mira – sia esso un atto percettivo, un apprendimento, un sistema fisiologico o, nel nostro caso, un puzzle di legno – non è una somma di elementi che bisognerebbe dapprima isolare e analizzare, ma un insieme, una forma cioè, una struttura: l’elemento non preesiste all’insieme, non è più immediato né più antico, non sono gli elementi a determinare l’insieme, ma l’insieme a determinare gli elementi.

Non nel soggetto del quadro o nella tecnica del pittore sta la difficoltà dei puzzle, ma nella sapienza del taglio, e un taglio aleatorio produrrà necessariamente una difficoltà aleatoria, oscillante fra una facilità estrema per i bordi, i particolari, le macchie di luce, gli oggetti ben definiti, le pennellate, le transizioni, e una difficoltà fastidiosa per tutto il resto: il cielo senza nuvole, la sabbia, i prati, i coltivi, le zone d’ombra.

Si può guardare il pezzo di un puzzle per tre giorni di seguito credendo di sapere tutto della sua configurazione e del suo colore, senza aver fatto il minimo passo avanti: conta solo la possibilità di collegare quel pezzo ad altri pezzi.

(Georges Perec, la vita istruzioni per l’uso)

il dottore ha detto che devo stare in casa al calduccio e fare le cose come i vecchi.

quindi lo faccio, in fin dei conti non ci vuole molto sforzo, mi piace abbastanza l’acciabattamento, sono tornata dal giappone stanca da morire e “il riposo” mi pare una bella attività.

tossisco sempre come un lupo mannaro, ma dice che piano piano se ne va, per ora io mi fido.

e così stamani ho preso la scatola col puzzle regalato a natale e l’ho sparpagliato sul tavolo.

è un quadro di chagall, per la precisione questo:

chagall-marc-le-couple-9969540 come potete immaginare si tratta di 950 pezzi azzurri e di 50 pezzi colorati, ma anche quello è il suo bello.

e così, da stamani, mi rigiro fra le mani pezzettini di cielo mescolati a pezzettini di strada, di tetti, di muri di case, tutti, rigorosamente blu.

e così il violino del suonatore diventa un punto di accumulazione di pezzettini, perchè il colore cambia piano piano, andando verso lo strumento. e così il mazzo di fiori è un centro del quadro, come un secondo sole, che insieme al titolare, arancio in mezzo al cielo, aiuta un pochino a trovare i primi pezzi coi quali partire.

ad uncerto punto mi sono ritrovata in mano un pezzo che conteneva la scritta “cha” e mi sono messa a cercare quello contenente “gall”.  chissà se quando  ha firmato il quadro, poteva immaginare che metà del suo nome sarebbe stata su un pezzettino di cartone con un ansa a rientrare e l’altra metà con il pispolo che ci va dentro…

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

0 risposte a puzzle

  1. marcoghibellino ha detto:

    ritengo il puzzle un ottimo metodo per affrontare il “momento” malattia…in fondo se ti incazzi perchè non riesci a fare il puzzle , non ti incazzi perchè sei malata U.U lapalissiano

  2. AD Blues ha detto:

    Ottimo passatempo. Per Priska, soprattutto!

    —Alex

  3. 4ngel0 ha detto:

    Mah…sechondo me l’ha fatto Happosta…si era messo d’accordo con seurat per fare quadri da puzzle pazz’eschi!

  4. Umb ha detto:

    Ciao Lucia, una curiosita’: ma chi ti ha regalato questo puzzle voleva farti un dispetto???
    Umb

  5. f.b. ha detto:

    ma dopo che lo avrai completato, farai mica come bartlebooth?

  6. lucia ha detto:

    la discussione in casa è partita. io sono per riromperlo….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...