aritmetica

Lucca, in una grande catena di distribuzione di cose da femmina, profumi, balocchi e varia ammenicolità, cerco degli assorbenti.

Giro e giro e alla fine li trovo, vicino alle tinture per capelli, ai dentifrici che non devi chiedere mai e alle pomici per i piedi, misteri del marketing.
L’occhio mi viene attratto, essendo femmina, dall’”offerta speciale pacco doppio, 28 assorbenti, sei euro e cinquanta”.

Mi pare tanto, però, così, per curiosità, guardo quanto costa il “pacco singolo”: 13 assorbenti, due euro e quaranta.

Penso: eccheccavolo, 13×2 fa 26: una differenza fra 4,80 euro e 6,50 mi pare troppa per due assorbenti…

Così vado alla cassa, mostro il pacco doppio e due pacchi singoli.

“scusi, ci deve essere un errore, vede? L’offerta pacco doppio costa molto di più della somma di due singoli”.

La commessa, chignon degno di una hostess di lufthansa, rossetto perfetto, ombretto senza macchia e senza paura, povera donna, alle sette e venti di sera, mi guarda come se le avessi detto:
formula-matematica

io provo a ripetere la cosa più lentamente.

“vede? Costa troppo di più il pacco doppio in offerta, non ha senso, si devono essere sbagliati, sa mica se i prezzi sono corretti così?”
e lei vede nel suo cervello:

formula-2alla fine mi arrendo, poso il pacco doppio, le dico: “senta, allora invece del pacco doppio prendo due singoli, perché costa meno, sa?”

e lei deve essere andata a casa pensando:

forumla1

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

0 risposte a aritmetica

  1. paleomichi ha detto:

    eh, ma anche tu sei complicata!!!! mica puoi pretendere che tutti sappiano fare le addizioni ;)
    come stai? un bacio dalla Germania :)

  2. zundapp ha detto:

    è bellissima!!!

  3. Giangiacomo ha detto:

    Un po’ cattivella, ma grande…
    :-)

  4. AD Blues ha detto:

    Lollissimo!!!!
    Se il commesso fosse stato uomo avrei capito… ;-)

    —Alex

  5. laperfidanera ha detto:

    Controllo sempre le ‘confezioni risparmio’, grandi, perché ho notato che spessissimo sono più care che al comprare la stessa quantità di merce in confezioni medie (detersivi, scatolame…).
    AD Blues: perché, gli uomini non sanno fare i conti? e per farli tanto valgono assorbenti che rasoi…

  6. Silvia ha detto:

    Troppo NERD questo post! Mi hai fatto morire dal ridere.
    Ma risate a parte d che dipenderà? Magari la confezione doppia fa parte un una fornitura successiva pagata di più? Ma allora mettila fuori dopo quando è terminato l’altro articolo a costo unitario minore… non so, ci vado in paranoia su ste cose, da buona lucchese!

  7. gipo ha detto:

    Non sai come ti capisco…
    la prima volta che ero in francia, prima dell’euro, facevo i conti per trovarmi meno monetine in tasca, quindi magari se spendevo 12,83 franchi davo 13:33 per avere una monetina di 50 cent…
    sapessi quante commesse hanno dovuto spengere e riaccendere perché erano andate completamente in palla!!

  8. biba ha detto:

    Ma anche tu, un po’ di misericordia (mi veniva clemenza, ma non mi piaceva, allora sono andata a cercare sinonimi e contrari ed è venuto questo… alla faccia della deformazione professionale, ciascuno la sua…) povera ragazza!!

  9. Scintilla ha detto:

    Ma usi ancora gli assorbentoni esterni? Tampax e O.b. son troppo modaioli? Guarda che è tutta un’altra vita, eh. :D

  10. Trinity ha detto:

    In effetti anche la confezione da 8 danacol costa di più che 2 confezioni da 4!!!

  11. marcoghibellino ha detto:

    io faccio come laPerfida ed ho anche notato altre cose , le pere! decana williams e kaiser…da 1,48 e 1,98 al chilo il 12 dic sono adesso a 2,25 tutte , altro che bot o borsa ragazzi investite sulle pere!!

  12. lucia ha detto:

    un po’ di risposte a caso:
    gipo: io lo facevo con le commesse tedesche e gli euri, anche loro mi guardavano strano, ma solo perchè non capivano cosa ci fosse di male a avere le monetine in tasca. e in effetti avevano ragione, lì il pane, la frutta, ecc costano col prezzo “al centesimo” perchè non c’è stata il maledetto arrotondamento che c’è stato da noi, c’erano abituati già prima col marco (e in francia uguale col franco) infatti da loro i prezzi sono rimasti normali…
    scintilla: uso in generale quello che mi pare, di tutto un po’. ma è importante?

  13. crash ha detto:

    …tempo fa ho fatto notare ad una commessa che se 1 lt. di detersivo costa “x”, perchè 2 lt. costano ” 2x + y” ? La risposta è stata: “strategie di vendita !”. In effetti se ci pensi….alla fine Lucia hai comprato due confezioni anzichè una; è stata una spinta emotiva dovuta ad una sensazione di convenienza immediata; FORSE, ripeto forse, potrebbe esserci una logica nell’illogico.

  14. noncenientedafare ha detto:

    senza sommatorie, limiti ed integrali, con una piccola calcolatrice tascabile, di quelle a poco prezzo, avresti potuto far rilevare alla povera cassiera ( che poi non è la responsabile delle formazione dei prezzi) che le confezioni da € 2,40 ( tredici pezzi) davano per un solo assorbente €0,1846153846153846 mentre la confezione da 28 pezzi e da € 6,50 significava, per ogni assorbente, €0,23214285714571, con una differenza in più, per ogni pezzo, di € 0,0474274725303254 : in vecchia moneta di oltre novanta lire.

  15. noncenientedafare ha detto:

    Continuo il precedente commento : ed hai verificato se la marca e la qualità erano le stesse ? Per ovvi motivi, non sono esperto di assorbenti : ma boib erano quelli del paxxone magari per vagine giganti ?
    p.s. – al di là dello stupidità scritte – magari, sbagliando le elementari operazioni – confermo, ancora una volta, la mia ammirazione per le tue capacità di trovare argomenti ed esporli piacevolmente. Anche se non sto in permanenza ad applaudire.

  16. formichina ha detto:

    Il mio buon papino, in lizza per il Comparative Prices Study Award (studia i volantini di vari supermercati e ricorda a memoria quali prodotti costano meno e dove), mi ha insegnato due cose fondamentali per quando vado a fare la spesa:
    1) che bisogna fare un po’ di sana aritmetica, come fai tu, per vedere qual è effettivamente la confezione più conveniente tra i vari formati di uno stesso prodotto;
    2) che spesso, per biechi motivi di marketing, sul volantino delle offerte finiscono prodotti che “in offerta” costano sempre lo stesso prezzo che senza offerta, se non di più!

    Credo che una mia amica si ricordi ancora di quando le ha fatto la lezione sul costo del profumo al LITRO… :p

  17. stefafra ha detto:

    A proposito dei prezzi dei farmaci, perché quassú una scatoletta di paracetamolo generico vulgaris, 500 mg per pastiglietta, 16 pastigliette, costa 0.35£ (che é praticamente lo stesso in €, per far prima), e in italia lo stesso costa minimo minimo 5 €, per 10 pastigliette? Proprio a cercare il generico piú generico. Non capisco.
    Mi é capitato sotto mano un prontuario dei farmaci quando ero in vacanza, per dire le mie vacanze eccitanti.

  18. marco ha detto:

    pensa invece cosa provi se vai in banca a lamentare che il tasso ufficiale BCE e’ x e quindi non accetti di ritrovarti un coefficiente y>x, e ti senti rispondere seraficamente y=(x+t)*z/h+1… naturalmente con tutte le variabili non note e non esplicitate nel contratto… mah

  19. laperfidanera ha detto:

    Marcoghibellino, per le pere o altre cose deperibili non mi pare il caso, ma far scorta di scatolame a lunga conservazione, soprattutto con le offerte 3×2, mi pare un ottimo investimento: quale banca ti dà un interesse sul c/c del 2% o più, considerato che i prezzi aumentano di anno in anno ben più del tasso di inflazione ufficiale? (e se compri al 3×2 hai già súbito un buon ‘interesse’ ). Chiaro, non per tutti va bene, io ho sempre avuto molto spazio in dispensa e una famiglia numerosa, eravamo in 5 di cui uno mangiava per 2!

  20. ADBlues ha detto:

    laperfidanera: solo perché noi uomini in genere veniamo tacciati di non capire un tubo di assorbenti, collant ed altre femminerie assortite… ;-)

    —Alex

    PS = nel mio caso particolare poi io ho problemi anche con un elementare divisione ad una cifra! :-D

  21. Silvia ha detto:

    Ah, mi viene in mente un’altra fregatura alle volte occulta… comperi la carta igienica in superstraofferta convinto magari di aver risparmiato un sacco, ma se poi guardi i rotolini ti accorgi che sono tutti anima e pochissimi strappi, rispetto magari al prodotto sì più costoso, in apparenza, che però di fatto ha il numero di strappi giusto… Insomma fare la spesa oculatamente è una vera giungla!!

  22. marcoghibellino ha detto:

    personalmente ho applicato l’aritmetica all’acquisto dei carissimi prodotti per belle arti pennelli colori tele eccetera; anzi per le tele ho proprio bypassato i negozi seguendo questo itinerario : ferramenta ( sacco di juta 150 x80 €2 + barattolo biacca € 2.5 che servirà poi per almeno altre 10 tele)–> legname per telaio..gratis da discarica centro commerciale( dio benedica i centri comerciali le loro discariche sono paradisi per i recuperanti legname metallo plastica vetro e chi più ne ha …) ogni sacco di juta mi permette di ottenere due tele grandi 1x 70 ed una piccola , acquistandole in media 5 tele 50×30 costano €35 fate vobis

  23. marcoghibellino ha detto:

    Cara LaPerfida ^^, hai ragione ma ci sono molti sistemi da applicare in questa nostra quotidiana guerrilla-shopping ; per esempio: detersivi carta igienica scopa stracci ecc sempre dal discount , per le eccellenze , cioè quei cibi che DEVONO essere buoni e genuini chi come me vive in un piccolo comune degli appennini toscani è avvantaggiato dall’esistenza di persone incredibili come Il Volpe ( <– o che fai te lasci crescere i baffi? me pari na volpe ..e da li marchiato per sempre era il 1943 ). Costui operaio in pensione da anni alleva maiali e pratica norcineria …su ordinazione; una o anche due famiglie si accordano per farsi allevare un paio di maiali che verranno accuditi amorevolmente alimentati come si deve e che daranno N° 4 prosciutti ,4 spalle ..rigatino/gota, metri e metri di salsicce ,coppa soppressata carne fresca lardo strutto cotenne pieducci fegato ecc ecc , ovviamente serve congelatore e ci credereste da calcolo fatto da uno dei clienti ( commercialista) del Volpe risulta che il prosciutto viene a costare €5,45 in meno al Kg !!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...