al lavoro, d’agosto

firenze dovrebbe essere sempre così: la temperatura di stamani alle sette e mezzo, il traffico di stamani alle sette e mezzo, la gente di stamani alle sette e mezzo.

spero di non abituarmi troppo alla firenze d’agosto: nessuna ascella da annusare sul bus, tutti seduti tranquilli, traffico zero.

le settimane d’agosto sono il momento migliore per andare al lavoro, colleghi in ferie, capo rilassato, ufficio deserto e cielo blu.

qualcuno torna, come me, dopo qualche settimana lontano, lo si riconosce dal colorito ma anche dal viso rilassato, dai vestiti allegri e dai capelli più spettinati di prima, come se il vento del traghetto si fosse impigliato fra le ciocche e la cosa non disturbasse affatto.

nessuno si è ancora rassegnato alle scarpe serie e molti di noi sfoggiano in ufficio i sandali che avevano al mare, ancora profumati di spiaggia.

siamo tutti più dimessi, meno incravattati dentro e fuori, abbiamo preso aria e ancora la sentiamo passare lieve sulla pelle.

non so chi altro di voi condividerà con me questi giorni di lavoro blando, ma vi auguro un felice agosto d’ufficio, da passare rilassati e sereni bevendo té freddo alla macchinetta del caffè.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a al lavoro, d’agosto

  1. Lilith ha detto:

    Anch’io sto lavorando! Ma la mattina presto, passando tra i banchi di Effetto Venezia ancora chiusi, mi sento sempre un po’ in ferie…

  2. cugifà ha detto:

    concordo.
    Potendo scegliere le ferie sono da fare a fine giugno inizio luglio o a settembre, periodo in cui in giro c’è poca gente e il caldo non è opprimente, inoltre ad agosto tutti sono in ferie quindi di solito in ufficio non devi fare granchè e quindi lavori in modo molto molto più tranquillo.
    Potendo scegliere però! Io in ferie ci vado dal 9 al 20 agosto con la settimana che va dal 23 al 29 dove sarò a casa ma reperibile per l’ufficio per tappare delle magagne.

  3. AD Blues ha detto:

    A me basta siano ferie !
    (anche se apprezzo tutto quello che ha descritto Lucia).

    —Alex

  4. crash ha detto:

    bella riflessione, la “vedo” con un pizzico di invidia. Aggiungo un mio personale pensiero: ….non so a voi…ma a me succede spesso, in questi periodi (di caldo, di pre-ferie, di ferie altrui,….), di dovermi “concentrare ancora di più” quando sono a contatto con altre persone…a piedi, nei negozi, nel traffico. Ci sono persone che diventano, in generale, dei pericoli…per gli altri (oltre che per se stesse), emerge un senso di intolleranza verso il prossimo, l’educazione scompare per fare posto ad arroganza o (peggio) a menefreghismo, la riflessione (ponderazione) lascia il posto ad azioni istintive……. Osservo che questo succede alla vigilia anche di qualche “ponte” lungo. Per cui la descrizione di Lucia è estremamente riposante, ma la “vedo” come un’isola felice, un pò staccata dalla realtà che io vivo.

  5. 4ngel0 ha detto:

    Goditela ora, che a fine mese tornano i fiorentini…

  6. giovanni62 ha detto:

    …le ferie/vacanze sono terminate purtroppo , quindi rilassiamoci tra di noi…..

  7. La perfezione stanca ha detto:

    Essì, anche io sto lavorando d’agosto, ma qui, in Regione Campania, stanno tutti a pazzi. Nessuna tranquillità, nessun clima rilassato, tutti gridano come folli (hanno visto l’Aragna???), le ferie vengono cancellate, quelli già in ferie vengono richiamati, tutti lavorano come invasati, anche 11 ore al giorno per cercare di porre riparo ai disastri in agguato causati dal disimpegno automatico dei fondi comunitari. E noi, Assistenza Tecnica, siamo fra l’incudine e il martello. E son grossi, oh se son grossi. Un martellone grande così. Aiutoooooo!!!!

  8. lucia ha detto:

    coraggioooooooooooo!
    ps: cosa è esattamente il “disimpegno automatico dei fondi comunitari”?

  9. AD Blues ha detto:

    Credo che se non li usi dopo la “scadenza” vengono persi…

    —Alex

  10. Donna allo specchio ha detto:

    concordo con quanto detto da lucia: da me il capo non c’è e quello per me è già essere in ferie di per se, senza la sua presenza opprimente a mettere una pressione inutile, dettata solo dalla sua ansia. Poi se c’è il sole si va in piscina e se non c’è si recupera il tempo che si è perso andando in piscina…

  11. Simona ha detto:

    coraggio bimba!! ma avete tè freddo nella macchinetta del caffè?? belloooooo!!! io non ne ho mai viste…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...