lettera dresdese numero uno

eccomi, sono qui, affacciata a una finestra di una città che ancora non sento mia. con la nostalgia di una vita vecchia, tedesca, a volte fredda e sola ma mia, tutta mia, nient’altro che mia.

e eccolo, piccolo, mezzogatto, grigio, con le orecchie e la coda ancora da cucciolo e la diffidenza del grande.

miagola, sotto la mia finestra, non so se per fame o per noia. ma io l’ho visto, ho presto le croste del pecorino avanzate della cena e me le sono messe in mano.

io al secondo piano, che sembra un decimo, ma quanto sono alti i palazzi lucchesi? lui giù, sul selciato, di schiena al mondo, guarda chissà dove e esiste, il microgatto, esiste in una città di ricche signore panciute dall’alluce valgo e dal cuore di pietra come i lastroni delle strade.

esiste il microgatto, non si cura delle chiese che ci sovrastano, delle tegole che ci rivestono, delle strade che ci stritolano. esiste e miagola. perchè è un gatto. e un gatto è, e non può non essere, direbbe il filosofo.

e allora io che mi sento di non essere ancora, cerco il gatto e faccio: “nznz nznz nznz!” con la bocca, come da sempre chiamo i miei gatti.

e lui capisce, la lingua mondiale dei gatti e guarda in su e mi vede e io allora sorrido e un pochino esisto anche io.

e allora tiro il formaggio di sotto, piccole briciole di formaggio assolutamente non regolamentari, non autorizzate.

e il microgatto all’inizio non capisce mica quella pioggia profumata. si sente colpire da una piccola crosta di formaggio sulla schiena e scappa sotto una macchina, poi ne vede cadere una vicino e lentamente l’annusa. capisce, il microgatto. capisce e mangia. e io rido, e cerco altre croste, e piano piano gliele tiro di sotto, ogni volta facendo nznzn, nznzn, nznzn.

e poi dobbiamo smettere, passa gente e la felicità è un piccolo momento clandestino in questa città. la felicità non è semplice e facile come una crosta di formaggio sgraffignata da un microgatto. la felicità qui dentro si compra, a prezzo sonante di lacrime e sacrifici, non è gratis, la felicità a lucca.

ma un microgatto sì.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

12 risposte a lettera dresdese numero uno

  1. crash ha detto:

    …su..su…col morale ! un pò di felicità l’ha data anche la Lucchese che è risalita in Lega Pro…

  2. biba ha detto:

    Ma scendi e prenditelo! Non hai idea di cosa riceverai in cambio!
    Anche la casa diventerà improvvisamente tutta tua, e la città.

  3. 4ngel0 ha detto:

    Anche sença scendere…gli sarebbe bastato farlo arrampychare sul naso…magari senza artigli!

  4. marco ha detto:

    adotta il microgatto

    e complimenti per la mira, io ieri ho lasciato cadere un bocconcino di manzo crudo direttamente nell’occhio della mia gatta che aspettava impaziente la ciccia.

  5. cugifà ha detto:

    La felicità, mi fa l’idea, ha sempre un costo!
    Rientrare da una situazione strana ma per certi aspetti quasi idilliaca dove nessuno ti può dire come vivere e reimmeggersi in una completamente diversa e con nuovi attori più o meno protagonisti è sempre complicato te lo dice chi ci è passato prima di te, il rientro da Roma a Lucca è stato tanto bello quanto difficile. Però credo che una volta pagato il prezzo (che inizialmente sembra sempre troppo caro) tutto si appianerà e la felicità arriverà con più facilità.
    Bello avere un microgatto da adottare quasi a distanza, da coccolare, quello è gratis e forse dai un po’ di felicità a gratis pure a lui.
    stai su! bacioni :)

  6. gipo ha detto:

    Ma si può dire gratis a lucca? Secondo me rischi una multa :)

  7. marcoghibellino ha detto:

    i gatti sono terapeutici, i miei almeno , mi rilasso solo a guardarli , sbracati AL SOLE-MA-NON-TROPPO nel mio giardino, invitano a cena gli amici…=.=
    alzandomi a notte a volte trovo un clandestino che rumina gli avanzi dei miei due figli di papà…. ieri notte che i piattini erano vuoti ha pure miagolato richieste..il clandestino …roba da matti

  8. Microgatto ha detto:

    Miaooo!!!!

    Adottamiadottamiadottamiadottamiadottamiadottamiadottamiadottamiadottamiadottamiadottamiadottamiadottami!!!!!!!!!!!!!!!

    Prometto che sarò buono ed affettuoso !

    —Il tuo prossimo gatto

    PS = però invece che le bucce del formaggio (che sono pure trattate con la cera) potevi ben darmi un po’ di ciccia!

  9. 4ngel0 ha detto:

    Chonchordo col microgatto…

  10. cugilé ha detto:

    Come ti capisco! I primi mesi passati a Lucca era un continuo chiedersi: “Ma sono tornata a casa come mai ancora non me ne sono accorta?”
    Ho passato 10 anni a pensare: quando sarò a CASA sarà tutto perfetto sarò felicissima.
    E invece è passato un anno e mezzo e ancora sto combattendo per avere la mia felicità e la perfezione che cercavo!
    Più che altro devo combattere con varie intromissioni esterne non richieste gratuite! Quella è l’unica cosa gratuita che esiste a Lucca mi sa!!!

  11. Simona ha detto:

    che bello…addomestica e fatti addomesticare dal microgatto…sembra un buon inizio..

  12. Lilith ha detto:

    Si Si…adotta il Microgatto!! Ti farebbe tanta compagnia!!! :-*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...