saluti da dresden

i suoni familiari un secondo prima di dormire come un ghiro:

il tredici che passa dall’altro lato della casa,

due matti per strada,

una bottiglia di birra che rotola,

le risate di due ragazzi sotto al mio balcone.

il sole che stamattina si è svegliato presto, come me e inizia a entrare in cucina mentre preparo il caffè.

il quartiere che si prepara a bunte republik neustadt.

le piante sul balcone con le quali farò colazione.

inizia oggi una giornata assai pesante, siamo a -1 dal trasloco, gli energumeni arrivano domani.

me ne sto qui, assediata da me stessa, una parte di me, la più grande, di svariati ordini di grandezza, che vuole partire e una piccola, minuscola lucettina che invece vorrebbe mettere tutte le scatole davanti alla porta e chiudersi in casa, come quando da piccola andavo con giorgiocurioso a dormire nella R4 del mammuth, parcheggiata in corte a farneta, perchè era l’unica cosa che conosceva, lei, bimba nata nel centro di lucca.

ma giorgio è già in italia, in un eccesso di prudenza l’ho messo in valigia la volta scorsa, insieme al macchinista e al mostrino, per essere sicura di portarli via.

quindi credo proprio che non mi resti niente altro da fare che arrendermi all’assedio della lucia grande, che ha deciso che è ora di andare.

arrivo.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a saluti da dresden

  1. Nono non ci reepenZare!!! Wai, e visto che ci sei portati pure le pulci!!

  2. biba ha detto:

    Coraggio, dai, si deve fare! Però, che angoscia…

  3. biba ha detto:

    Ma lo sai che un giorgiocurioso lo avevo regalato a un nipotino (che ormai ha suppergiù la tua età) e anche lui se lo portava sempre appresso? Chissà ora dove l’avrà messo, devo chiedere!
    (aricoraggio Luci!)

  4. cugifà ha detto:

    entrare, aggiustare, imbiancare, ammobiliare, insomma costruire su misura e vivere in un posto…. poi smettere di viverci, fare scatoloni, sgomberare, andarsene!
    E’ piuttosto triste, è come se una parte di te lasciasse indietro qualcosa di suo, ma va fatto, si deve andare avanti, si torna a casa! Si ricomincia da capo (anche se a casa, sei quasi straniero), ricominciano nuove avventure, sia per il lavoro che per la vita, si mette su CAAASA, forse quella vera quella definitiva.
    Coraggio non sarà facile vedere il vuoto chiudere la porta e consegnare le chiavi della tua casa ma lo fai per andare avanti.
    Sarà sempre bello tornare in quel posto che per una pausa più o meno lunga ha voluto dire casa
    coraggio e baci

  5. stefafra ha detto:

    Un abbraccio e un in bocca al lupo prima del caos organizzato del trasloco.
    Ci sono passata un paio di volte, l’ultima coi traslocatori (tedeschi, guarda un po’: gentili, efficienti e per nulla energumeni, poveroni) e con una mitica lista, quella veramente svizzera, da consegnare alla ditta(svizzera) di traslochi circa una settimana prima della data del trasloco, col numero esatto e contenuto dei cartoni (!), che solo uno svizzero ha i cartoni giá belli pronti e numerati una settimana prima….
    Sono tonata nella casa in Svizzera, forse dovrei farci un post sul mio bloggastro, c’erano ancora alcuni mobili che avevamo lasciato, e le piante dell’orto piantate da noi….strana sensazione, non completamente sgradevole ma decisamente “unheimlich” che non só come si dice in italiano ma descrive la cosa perfettamente.

  6. Simona ha detto:

    coraggio bimba, pensa che la prossima casa sarà con herrdelciaro…quindi le (belle) avventure sicuramente non ti mancheranno :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...