é stato un piacere

scrivo questo post consapevole che fra poco me ne andró da qui, consapevole che ho un ruolo nuovo, diverso e svincolato dalle solanacee esigenze.

ma lo scrivo perché mi fa bene.

riunione patata delle 10:30, finisce a mezzogiorno preciso. scendendo le scale patata sentenzia: “toh, é praticamente ora di pranzo”.

va in bagno, esce, passa dall´ufficio e poi si avvia a mensa.

con lei Banana.

io passo dall´ufficio, vado in bagno e le seguo.

nel minuto di differenza passato fra la loro partenza e la mia, sei o sette persone di una ditta esterna (la mensa qui é cosí buona che vengono da fuori… brrr!) si infilano fra me e loro, rallentando il mio arrivo al tavolino.

comunque arrivo, dopo, ma arrivo, mentre loro sono circa a metá.

di tutto il mio ufficio siamo solo noi tre: hans jürgen é malato e fofata non risulta pervenuta da ormai qualche mese, spero abbia incontrato un papageno.

loro parlano di come riammodernare la casa. io cerco di togliere i cetrioli sott´aceto dal panino al salame (ma chi é quel perverso che ama i cetrioli sott´aceto nel panino?).

poi parlano di supercazzole a me ignote e incomprensibili, cerco di seguire ma il brusio della mensa non aiuta. mi concentro sui ravanelli nel panino al salame (se becco il cuoco…).

poi salutano gente di un altro tavolo chiedendo loro se hanno due minuti dopo pranzo. li hanno, inizio appuntamento alle 12:30, fine appuntamento alle 12:32.

non sto scherzando.

alla fine io mi stufo e mi alzo.

loro, che evidentemente mi usano come timer, si alzano, portano il vassoio alla rastrelliera e scendono le scale verso il loro ufficio. senza una parola, una.

prima di entrare nel mio mi scappa un  “é stato un piacere!”

“was?”

“puppa”.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

14 risposte a é stato un piacere

  1. Francesca ha detto:

    …perchè non hai messo i cetrioli e i ravanelli scartati, nel piatto loro?! Così avrebbero notato la tua presenza e ti avrebbero preso in considerazione, ste maleducate!!

  2. ADBlues ha detto:

    I cetrioli sottaceto con il salame sono buonissimi… ;-)

    —Alex

  3. Jane Cole ha detto:

    Cosa mi hai ricordato: gli orridi cetrioli nei panini!!! Avevo rimosso quest’orrido vizio crucco!

    Forza e coraggio: la tortura sta per finire.

  4. donna allo specchio ha detto:

    li hanno anche qui in alsazia i cetrioli nei panini! che schifo!!
    be, non a caso è vicina alla crucconia

  5. crash ha detto:

    scusa….Lucia…., non fraintendermi, ma perchè ti ostini a pretendere un comportamento – da persone normali – da “quelle lì”. Io, al posto tuo, avrei “colto la palla al balzo” con il gruppo di sette persone che casualmente ti ha preceduto nella fila in mensa, avrei allacciato un discorso e mi sarei seduto assieme a loro: la dialettica e la simpatia non ti mancano. Quelle due le avrei fatte morire di curiosità. Ultima cosa: perchè togliere i cetrioli dal panino ? sarebbe come togliere il grasso da una fetta di prosciutto…

  6. donna allo specchio ha detto:

    non sempre è facile, comunque l’idea di crash non è male

    la situazione che tu vivi con le patate a mensa io la vivo con suocera e cognata sia quando loro sono a casa mia che quando sono a casa loro, ho provato molte volte l’impulso di alazarmi da tavola e andarmene

  7. coccobill ha detto:

    buoni i cetrioli nei panini! Io ho preso a metterli anche a casa! Ci sono poi i cetrioli fermentati polacchi che sono una vera delizia. Cmq so tristi. Anch’io in Francia a mensa avevo lo stesso tipo di problema, con la differenza che erano un po’ meno nordici dei sassoni.

  8. orfeo ha detto:

    I racconti della colleganza tedesca sono tra le cose che preferisco. Mi mancheranno… ma certo anche al paesello natio troverai degli ottimi spunti narrativi. p.s. Il pensiero di crash m’incuriosisce vieppiù… la genesi…(?)

  9. lucia ha detto:

    eccomi a casa! dunque dunque…
    il suggerimento di crash è divertente ma non so se avrei mai il coraggio di metterlo in pratica, qui i ruoli sono assegnati così come i posti a tavola e in effetti sovvertirli sarebbe divertente, ma devo trovare il coraggio.
    i cetrioli col salame non ci dicono nulla! barbari! perchè secondo me è l’aceto, sostanza malefica della quale i cetrioli sono impregnati che fa a cazzotti col buon saporino salamelecco. eccheccavolo! :D

  10. marco ghibellino ha detto:

    (ma chi é quel perverso che ama i cetrioli sott´aceto nel panino?).

    arrossisco pesantemente , però io li ho fatti da me i sottaceti…dalla semina al barattolo U.U

    e aggiungo sono disperato perchè non riesco a trovare le radici di rafano uffaaaaa
    per fare il kren e il wasabi mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

  11. coccobill ha detto:

    Lucia sono d’accordo che i cetrioli sottaceto non c’entrano col salame. Quelli fermentati o quelli agrodolci invece ci stanno bene secondo me. Per Marco, il rafano si usa nelle zone dell’ex lombardo-veneto per farci delle salse. A Mantova o a Verona lo si trova.

  12. any ha detto:

    ma chi é quel perverso che ama i cetrioli sott´aceto nel panino?
    lo so che avevo già detto che la senape è buona, ma, ecco, ehm…

  13. Simona ha detto:

    avete i posti assegnati a tavola???? poveraaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!! un bacio grande grande e manda a quel paese le patatacce!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...