wof!

Pronti? Si parte!
il pelosissimo spinone non aveva mai guidato una macchina in vita sua, era un po´ teso, ma sentiva di potercela fare.
Aveva osservato la Gina guidare tutti i giorni, durante i loro viaggi verso il mare e sapeva dove mettere le zampe.
Certo, non doveva farsi beccare dalla stradale, come glielo spiegavano, tre cani, per giunta giganti, che stavano andando a prendere la padrona all´aeroporto?
Per questo Spillo, il labrador, stava di guardia, mentre Spino metteva in moto e Bello controllava che la manovra di uscita del parcheggio non danneggiasse nessuna macchina.
Lo avevano deciso nella notte, sarebbero andati a Pisa a prendere la Gina, mancava da troppo tempo anche per loro, cani sempre allegri e autosufficienti.
Spillo si stava immalinconendo, guardava l´orizzonte da qualche giorno intervallando gli sbadigli coi sospiri, senza la Gina non c´era molto gusto a andare a gironzolare per le vie di Lucca.
A Bello mancavano i suoi manicaretti, era forse un affetto un po´ “interessato” ma che ci poteva fare? Era goloso di natura. E comunque faceva comunella col gatto di casa, sornione golosastro.
Cosí Spino si decise. Sarebbero andati a prenderla con la macchina, e cosí le avrebbero anche dimostrato quanto le volevano bene, alla Gina.
Durante il viaggio non riuscirono a resistere alla tentazione di mettere il naso fuori dal finestrino, socchiudere gli occhi e lasciare che il vento gli sventolasse le orecchie, erano pur sempre cani, mondo gatto.
Passarono la bretellina di San Concordio senza incidenti, senza clamori e senza spaventare nessuno, complice l´ora di pranzo che aveva rintanato i bravi lucchesi nel chiuso delle loro case a schiera.
Dopo il foro di San Giuliano accesero la musica. Rockabilly. La colonna sonora perfetta per tre cani coraggiosi.
A Pisa non ci furono problemi, si sa, i pisani non sono una cima e la vista di tre cani al volante di una due cavalli non li sconvolse piú di tanto, pensarono solo che i lucchesi erano imbruttiti un altro po´.
Al parcheggio per non dare nell´occhio finsero di essere chiusi dentro e si addormentarono, aspettando che arrivasse.
Nel frattempo la Gina era in volo sulle alpi, fra Berlino e Pisa e si chiedeva se i suoi cagnoni sarebbero stati felici di vederla.
Accanto alla Gina uno strano tipo, barbuto e vestito con l´uniforme ufficiale dei Geologi: scarponi, pile e giacchetto tecnico, che sennó uno che ci si è iscritto a fare a geologia? Ovvio, per portare gli scarponi.

All´atterraggio lo strano tipo è sceso insieme alla Gina, insieme si sono avviati fuori e mentre uscivano dall´aeroporto ha visto la Gina correre verso la macchina con un grande sorriso, aprire la porta ai tre cagnoni e fare loro una grande festa.
E lo strano tipo non ha potuto fare a meno di prendere il telefono e dire: “Non ci crederai mai, ho appena visto tre cani venire a prendere la padrona all´aeroporto”.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a wof!

  1. ADBlues ha detto:

    Bentornata ! (perché sei a casa, vero? oppure è un racconto postumo?)

    —Alex

  2. lucia ha detto:

    io no.. io sono a Dresda. :(

  3. ADBlues ha detto:

    hum…
    pensavo fossi tornata pure tu a casa…. :-(

  4. crash ha detto:

    ….sembra un racconto subliminale …..

  5. biba ha detto:

    Stai fresca se speri che lo faccia Mela :)

  6. Jane Cole ha detto:

    “pensarono solo che i lucchesi erano imbruttiti un altro po´” …questa mi ha fatto morire dal ridere :D

  7. lucia ha detto:

    :) per biba: Mela non sa guidare! se ne approfitta perchè il mammuth la scarrozza sempre in giro e non ha mai imparato. eheh!
    per crash: che vuol dire?
    per jane: eheheh, sai, fra lucchesi e pisani non si sa mai quel che può succedere! ;)

  8. crash ha detto:

    scusami…probabilmente sono io che non ho capito.

  9. marco ha detto:

    beh.. il mio husky non vedrebbe l’ora di poter guidare,… mentre montavo le catene si e’ seduto tutto impettito alla guida dell’auto.. per fortuna le chiavi non erano nel cruscotto!!!

  10. lucia ha detto:

    beh, se montavi le catene ci sarà stata la neve, immagino che l’husky sarà stato molto felice!

  11. marco ha detto:

    si l’husky era molto felice, ma mai quando mi ha aiutato a togliere le catene infilando il naso dietro la ruota, una volta finita la nevicata!!

  12. Simona ha detto:

    che storia divertente e simpatica…me li immagino i tre cagnoloni…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...