dio: “ah, io non c’entro nulla, non guardate me!”

seccata dichiarazione di Dio in risposta all’affermazione del papa:

non so perchè Dio mi abbia scelto“.

“a dire il vero sono io a non saperlo” pare abbia risposto l’anziana divinità a una folla di giornalisti, non ho mai detto di preferire lui a qualcun altro e non  ho inviato lo spirito santo (quell’ uccellaccio buontempone mi ha messo nei guai già una volta 2000 anni fa e da allora lo tengo bene in gabbia) e già che ci sono vorrei fare qualche chiarimento.

1) MAI detto che le donne non possono fare i sacerdoti NE’ che questi ultimi non possano sposarsi. oltretutto visto come risolvono le loro turbe sessuali mi sarebbe di gran sollievo saperli trombanti e felici.

2) già che ci sono: tutte le storie che vi raccontano sul sesso e sulla contraccezione non le ho mai dette e non le condivido. ho creato l’uomo una sola volta e da allora uso sempre il preservativo, anche perchè, devo ammettere, poteva venirmi un pochino meglio.

3) le donne non sono figlie di eva, non sono condannate a partorire con dolore e non sono da bruciare sulla pubblica piazza. del loro corpo non si faccia scudo la politica baciapile come sta facendo perchè mi sono davvero rotto le scatole.

4) ah, ovviamente la madonna non è vergine, solo dei pazzi possono pensare che una donna partorisca e resti tale. ve lo hanno raccontato solo per spacciare i valori che volevano loro, ma io non ci ho, e ribadisco, NON CI VOGLIO avere nulla a che fare.

5)  ruini mi sta sulle sacre palle. e bagnasco pure.

6) per quanto mi riguarda ho ottimi rapporti con Allah, anche lui sostiene di non aver mai ordinato guerre sante, né nel suo nome né nel mio. per cui vedete di piantarla.

7) non ho mai sopportato i santuari con madonne piangenti, acque benedette, stigmate sanguinolenti e quant’altro. chiudeteli o la prossima volta quanto è vero che mi chiamo Dio ve li tiro in terra con un rutto.

8) la scEnza non si tocca. è vero, ho creato l’uomo a mia immagine, ma il fatto è che voi non sapete che io sono un australopiteco. ps: saluti da darwin, è qui con me che se la ride (immagino perchè non legge i giornali…)

9) chi vi ha messo in testa che gli omosessuali non si possano amare liberamente? io per esempio lo sono. vi vedo stupiti.

10) un ultima cosa. lasciate in pace i morti. lasciate andare in pace le persone che già mi sono preso, non vi appartengono, come del resto non appartengono a me. esse appartengono solo a loro stesse. e a loro spetta la decisione sulla loro vita.

con amore, (e un po’ di giramento di coglioni)

vostro,

Dio

ps: per chi amasse la buona musica consiglio l’ascolto de “la buona novella” di fabrizio de andrè, un amico mio.

pps: dimenticavo! io non esisto. ma non credevo di dovervelo dire, ci dovevate essere arrivati da tempo…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

46 risposte a dio: “ah, io non c’entro nulla, non guardate me!”

  1. valeriascrive ha detto:

    e un po’ di giramento di coglioni :)

  2. 4ngel0 ha detto:

    Assolutamente fantastico!
    Ah..dio, visto che ci sei…dillo a tutti che non esisti, almeno si levano il penZiero.

  3. lucia ha detto:

    suggerimento accolto, herr engel.

  4. infedele ha detto:

    Ironico e leggero come sempre :-)
    Ma ho come l’impressione che non ci sarà un bis con scambio-posto “Dio”-“Allah”.

  5. Allah ha detto:

    Io non voglio storie! Sentite che dice il mi’ cugino Alquah…

  6. infedele ha detto:

    :-D No no, noi siamo democratici, diamo ascolto a tutti, al cugino di qua e a quello di là :D

  7. arry ha detto:

    bellissima la missiva!!!
    (e ci credo che gli girano un po’ i coglioni!)

  8. nico ha detto:

    Il Papa sbaglia, l’Unto del Signore è un altro, no? comunque mi sa che entrambi hanno almeno una cosa in comune …

  9. Bianca-Hamburg ha detto:

    Ok, non lo ha scelto, pero’ potrebbe farci un piacere: chiamarselo.

  10. Simona ha detto:

    semplicemente GENIALE!! :)

  11. zundapp ha detto:

    eh eh eh.. grande! un australopiteco omosessuale che usa il preservativo è un ritrattino niente male.

  12. crash ha detto:

    Dio esiste, per me. Il fatto che persone, che non ne riconoscono l’esistenza o vantano trascorsi di “militanza” (ora rinnegata) nelle file dei “credenti”, ne parlino…….ritengo….sia significativo. Ogni giorno, ogni mattina quando apriamo gli occhi può succedere di tutto, la vita è bella e nello stesso tempo tragica: ci possono accadere esperienze che ci girano come un calzino. Chiunque può credere in qualunque cosa/persona/teoria. L’importante io credo, preso atto che non siamo tutti uguali…., è il rispetto per chi e che cosa ci sta accanto.

  13. infedele laica ha detto:

    Sono d’accordo con crash: rispettiamo chi ci sta accanto ma, soprattutto, rispettiamo tutti.
    “Perché se si oltraggia l’Islam tutti si indignano, si accettano come fondate le critiche di islamofobia e ci autocolpevolizziamo di razzismo confessionale, mentre se si oltraggia il Cristianesimo lo si ascrive alla libertà d’espressione? Perché proprio coloro che sono in prima linea contro il Cristianesimo, la Chiesa e il Papa li ritroviamo in prima linea a favore dell’Islam, delle moschee, delle scuole coraniche e persino dell’introduzione della sharia nel nostro stato di diritto?” (Magdi Allam

  14. zundapp ha detto:

    parlo per me: sono contro la chiesa così come sono contro qualsiasi altra forma di fanatismo e di potere basata sulla superstizione. Non sono a favore dell’islam, che è anche peggio della chiesa cattolica, ma sono a favore della libertà religiosa, qualunque essa sia, perchè comunque è un diritto e come tale va sostenuto. Basta che non impongano anche a me di diventare un fedele.

  15. Graz ha detto:

    Semplicemente divino! :-)

  16. lucia ha detto:

    certo, come no, io sono favorevole all’uso del preservativo, sono contro l’ingerenza dello chiesa nella sfera pubblica, sono per il testamento biologico, per le la ricerca sulle cellule staminali e per il diritto delle donne a abortire secondo la legge 180.
    e questo mi rende ovviamente favorevole al taglio della mano per i ladri, alla lapidazione degli omosessuali, al burka e all’introduzione della sharia nel nostro stato di diritto.

  17. infedele laica ha detto:

    Mai detto tutto ciò, Lucia.
    Ho detto che il tuo post è ironico e leggero, lo leggo divertita e sono felice che tu lo possa scrivere liberamente (vabbè, i cattolici praticanti lo troveranno offensivo, ma a noi che ce frega, quelli mica tagliano le mani).
    E ho detto che qui non troverò mai un post del secondo tipo (il bis con il suddetto scambio), presumibilmente per motivi legati alla conservazione delle mani (servono, tra l’altro, a scrivere i post del primo tipo).
    Infine ho detto che se rispettiamo tutti, forse è meglio.

  18. cugifà ha detto:

    ci sono credenti e baciapile, quello che hai scritto è da credenti. IO CREDO e sono convinto che a Dio gli girino discretamente i coglioni per le tante cazzate che fanno sia gli uomini che formano la chiesa che quelli che non la formano.
    Tutte le cose che hai scritto sono vere, l’unica che contesterei e quella sull’ammissione da parte di Dio stesso della sua non esistenza.
    Dio non ha detto tante cazzate, non ha posto limiti all’amore, non ha messo in cattiva luce le donne in quanto Gesù se è venuto al mondo lo deve solo alla Madonna che vergine sicuramente lo era prima e forse non ha fatto sesso dopo come atto di devozione, ma ricordati che la chiesa è fatta di uomini spesso ottusi che si arrogano il diritto di avere le risposte in mano e proprio grazie a questa arroganza fanno in modo e maniera che la FEDE delle persone vada a perdersi nei meandri delle mille problematiche morali e sociali che loro hanno creato ma non Dio. Credere in Dio non necessariamente vuol dire credere in tutto ciò che i prelati ci dicono.

  19. cugifà ha detto:

    comunque brava quando l’ho letto ho riso tanto

  20. crash ha detto:

    x cugifà: quando uno di noi dice di credere o di non credere non può credere o non credere solo al 10 o 20 o 90 per cento: non NI, ma SI o NO. Leggo sempre con simpatia e partecipazione (quando posso) ciò che scrive Lucia, ma questo blog, per me che crede al Padre al Figlio e allo Spirito Santo e porta nel proprio cuore un’amore senza limiti per la Madonna, credimi: è solo un rosario di bestemmie! Possiamo fare delle critiche, io per primo, a certi uomini di chiesa (non per niente anche loro sono uomini) e soprattutto a certe “epoche” buie: oggi ci sono, domani ce ne sono altri, ma la Chiesa esiste dalla venuta di Cristo sulla terra……..Io stesso devo farmi continue autocritiche: sono uno che la seconda guancia non la porge…….ciao!

  21. lucia ha detto:

    un rosario di bestemmie? ullallá! :)

  22. noachis ha detto:

    @crash: il vangelo è un messaggio e una proposta che Cristo fa personalmente ad ognuno di noi, e alla quale uno è libero di aderire o no (chi vuol seguirmi prenda la sua croce e mi segua). E ognuno può credere per quanto può (10, 20, 90 per cento), a seconda di come e dove è vissuto e di quello che la vita gli ha dato.
    appurato questo, nei 10 punti messi in luce nel post si parla di cose che nel Vangelo non ci sono. si parla di scelte che la Chiesa ha fatto, che derivano da un’interpretazione della Parola di Dio. ed essendo un’interpretazione è soggetta a non essere verità assoluta. sono molte le cose che in duemila anni sono cambiate. e oggi si studia ancora la Bibbia e i vangeli è perchè si cerca di capire di più e più a fondo, consapevoli che quello che è stato interpretato fino ad ora potrebbe non essere perfetto o anche giusto.
    E comunque (per me), come stà scritto sui cartelloni delle autostrade, Dio c’è! (e penso anch’io abbia un po’ di giramento di coglioni)

  23. crash ha detto:

    x noachis: NO, caro amico, non ci siamo proprio. Innanzitutto la parola “vangelo” sei solo tu che la tiri fuori, e il vangelo non è “un messaggio e una proposta che Cristo fa a ognuno di noi”, non è uno spot pubblicitario: i quattro vangeli è descritta la nascita la vita la predicazione i miracoli la morte e la resurrezione di Cristo e sono scritti da Luca Matteo Giovanni e Marco (i vangeli fanno parte del NuovoTestamento assieme a varie lettere di alcuni Apostoli e al libro dell’Apocalisse che è la Rrilevazione – questa SI’ – che Gesù a dato personalmente all’ apostolo Giovanni degli avvenimenti futuri….).
    Secondariamente, sono d’accordo con te del 10 20 90 per cento come lo intendi TU, ma io mi riferivo al 10 20 90 per cento, in questo senso: o una persona crede o una persona non crede: mi spiego meglio, se tu affermi di credere non puoi credere solo ad una parte ad un aspetto e ad un altro no. Per esempio, l’affermazione di Lucia sullo Spirito Santo (vabbè non rientra nei 10 pti) e il punto 4: tu, noachis, affermi: “appurato questo, nei 10 punti messi in luce nel post si parla di cose che nel Vangelo non ci sono”, ma stai scherzando ?? non ci sono ?? e l’ Annunciazione dove la metti ? Luca 1,35: ….Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio.
    non dirmi che “si parla di scelte che la Chiesa ha fatto, che derivano da un interpretazione della Parola di Dio…..” e ancora “consapevoli che quello che è stato interpretato (????) fino ad ora potrebbe non essere perfetto o anche giusto (????)”…..ma stai scherzando ?? Scusa, se mi sono un pò scaldato, ma sarebbe utile fare meno chiacchere e riflettere di più…Mi raccomando quando guidi…guarda la strada !

  24. crash ha detto:

    errata corrige: rivelazione, No rilevazione

  25. lucia ha detto:

    a me piaceva di piú la rilevazione.

  26. crash ha detto:

    un BACIONE Lucia….così non sei gelosa….

  27. dueconti ha detto:

    Io invece rifletterei sulle cose “da credenti” scritte in questo post:
    .
    a-lo Spirito Santo è un “uccellaccio buontempone”: disaccordo dei credenti sul predicato
    b-“tutte le storie che vi raccontano sul sesso e sulla contraccezione non le ho mai dette e non le condivido”: ai credenti quelle storie le ha dette proprio Dio, vedi sesto Comandamento, Sodoma, Gomorra e Onan (che praticava il coito interrotto, cioè una forma di contraccezione)
    c-“ho ottimi rapporti con Allah”: i credenti hanno letto il primo Comandamento
    d-“io sono un australopiteco”: ancora disaccordo dei credenti sul predicato
    e-“chi vi ha messo in testa che gli omosessuali non si possano amare liberamente? io per esempio lo sono”: glielo ha messo in testa proprio Dio, vedi sopra (in b, Onan escluso), e forse per i credenti la frase “io sono omosessuale” suona pure blasfema.
    .
    Ora, io sono laica (battesimo sì, prima comunione sì, ultima comunione 26 anni fa, cresima no, matrimonio civile per scelta). Per quanto mi riguarda, trovo questo post ironico, leggero e divertente, e mi batto per il diritto di Lucia di esprimersi liberamente non solo in questo blog (che è solo suo e ci scrive solo lei), ma sempre e in ogni caso.
    .
    In realtà so che questo post non è “leggero”, perché riassume la posizione della sinistra su alcuni temi-chiave. I cattolici praticanti per chi decidono di votare, sapendo che a sinistra Dio è un “australopiteco omosessuale con il preservativo”, meno rispettabile del suo “cugino di là”?
    .
    Ricordate il caso “vignette danesi”? Lascio a voi la scelta dei predicati da associare al nome “Calderoli”. Quali predicati andrebbero associati a un caso tipo “australopiteco omosessuale con il preservativo”?
    .
    Pierluigi Battista ne parlava sul Corriere, qui.
    .
    Se vuole tornare a governare, la sinistra con empirismo (nell’esame della realtà) e pragmatismo (nella formulazione delle politiche) potrebbe partire da qui:
    “Secondo un’indagine dell’Eurispes effettuata nel 2006 e ripresa dal Corriere della Sera, è l’87,8% della popolazione a dichiararsi cattolico anche da adulto e il 36,8% praticante” (Wikipedia).
    .
    Non pensate che alle prossime elezioni un bel “Rispettiamo tutti” avrebbe senso? Sono finiti i tempi del “Libero fischio in libero stato” (vedi vignette danesi) e il fischio selettivo non fa vincere le elezioni.

  28. lucia ha detto:

    io credo che si chiami ossessione compulsiva monotematica.

  29. dueconti ha detto:

    sì, e per la precisione si chiama “Abberlusconi” perché è tutta colpa sua :-D

  30. lucia ha detto:

    va bene che è unto, ma qui non si parlava di dio?
    avete presente? quello incazzereccio col triangolo.

  31. dueconti ha detto:

    Perdonami, qui non decripto. Dio è anche unto?

  32. noachis ha detto:

    @crash: sullo Spirito Santo hai ragione, infatti non è nei 10 punti.

    Ma il Vangelo E’ una proposta. se dovesimo credere per forza in Dio, Dio stesso ci avrebbe dotati tutti di fede indefessa. Invece c’è chi crede e chi no, chi crede tanto e chi un po’. e non sappiamo il perchè. ognuno ci mette quello che ha e tira fuori quello che può (ricordi la parabola dei talenti?)

  33. cugifà ha detto:

    x crash io non credo al 10 20 o 90 % IO CREDO con tutto me stesso con tutta la mia mente e con tutta l’intelletto che Dio mi ha donato e cerco con tutto me stesso sia parlando che nella mia vita di portare avanti la parola di Dio e l’esempio del Cristo.
    IO CREDO, forse ho dei limiti, ma non voglio farmi una religione a modo mio, IO CREDO IN DIO E NELLA CHIESA CHE CRISTO HA FORMATO COME IDEOLOGIA, ma non nell’istituzione che gli uomini hanno creato, Cristo era povero fra i poveri la chiesa sguazza nelle ricchezze le chiese sono piene di oro quasi dei musei e non luoghi di culto, infatti in molte di esse bisogna pagare per entrare!
    IO CREDO E DENTRO DI ME LO SENTO FORTE, MA CREDO IN UN DIO BUONO CHE CI HA CREATO, CHIAMATO E CI DONA AMORE E PERDONO INFINITO, LA CHIESA, scusa, GLI UOMINI DI CHIESA QUEL PERDONO NON SANNO COSA SIA, E PROPRIO PER QUESTI UOMINI DI CHIESA TANTE PERSONE GIOVANI E MENO GIOVANI ABBANDONANO IL MESSAGGIO DI DIO.
    pure io sono devoto alla Madonna e sono convinto che era vergine ma dopo la nascita del Cristo almeno fisicamente certe cose sono cambiate e questo è bene riconoscerlo, poi che dopo si sia dedicata a Dio e non abbia fatto nulla credo pure questo, in questo la Madonna è vergine!
    per dueconti, continuo a credere che quello che ha scritto Lucia sia da credenti e mi dispiace che la cosa ti colpisca così tanto quasi da pungerti sul vivo, non credo di fare confusione, Lucia ha scritto delle simpatiche provocazione su cui ogni credente dovrebbe ragionare.

  34. 4ngel0 ha detto:

    @cugifà: ma te a messa ci vai o no?

  35. crash ha detto:

    x cugifà: mi ha fatto piacere leggere quello che hai scritto, l’hai scritto con il cuore…

  36. cugifà ha detto:

    x Angelo, a messa ci vado cerco di andarci sempre ma a volte succede che non ci vado, questa cosa mi è successa soprattutto negli ultimi 6 anni che ho passato a Roma dove le chiese sono monumenti e spesso l’ipocrisia regna sovrana e quindi non mi ci sento bene dentro, ora che rivivo a Lucca in un paesino di 250 anime ed in una chiesetta molto piccola con un diacono che rende la messa a portata di tutti bambini di 2,5 anni compresi rivado a messa tutte le domeniche.

    x crash grazie, mi fa piacere che tu abbia capito che ho scritto di cuore e di getto il commento non pretendo che tu sia in accordo con me sarebbe interessante fare chiacchere su questi argomenti, al compleanno di Lucia c’è stata una tavola rotonda del genere che causa figliolo piccolo mi sono perso, e purtroppo internet per il momento ce l’ho solo a lavoro e quindi più di tanto non posso dilungarmi, comunque grazie ancora per il bel complimento

  37. lucia ha detto:

    entro nel “dibbattito” perché, pur da “esterna” come avrete capito queste cose mi sulluccherano parecchio.
    io sono stata credente, di quelle della serie “tutto o nulla” “bianco o nero”.
    e il “bug” che poi mi ha portato all´ateismo (direi convinto e deciso, anche se il mammuth mi obbliga sempre a dubitare, sia della fede che della non fede e a definirmi “atea per ora”) sta esattamente in quello che ha detto il cugifá.
    quando a messa viene recitato il “credo” io ero arrivata al punto di non poter pronunciare la frase “credo la chiesa, una, santa, cattolica e apostolica”. non ce la facevo, proprio da credente, a immaginare che per abbracciare la fede si dovesse abbracciare una istituzione che mi deludeva ogni giorno, proprio in quanto credente.
    non tanto per i “tesori temporali” che cita il cugifá, che ritenevo piú frutto della storia passata, quanto per i messaggi disumani che la chiesa attuale manda continuamente.
    avevo trovato la soluzione di definirmi “cristiana” ma non cattolica.
    poi il percorso personale é “andato avanti”, portandomi a credere che non esista un dio creatore, e a un ateismo direi consapevole, frutto di un ragionamento mio, di una convinzione mia, di considerazione mie.
    ma da credente allora, e da non credente oggi, le cose che non sopportavo erano appunto non tanto i tesori quanto l´ipocrisia e il propagandare valori che non ritenevo “umani”, ma dis-umani.
    provo a elencarli partendo dall´intervento del cugifá.
    il primo é proprio la concezione del sesso e il valore della verginitá, valore propagandato, guarda caso, nella stragrande maggioranza dei casi solo in chiave femminile, la madonna come esempio di “purezza” non in quanto priva di pensieri cattivi ma priva di pensieri considerati “impuri”.
    anche da un punto di vista credente, pensare che dopo la “nascita divina di cristo” la madonna, come tutte le donne abbia avuto sentimenti di attrazione verso suo marito, che con lui abbia fatto l´amore, che con lui abbia avuto figli, che con lui abbia amato, col cuore e carnalmente, non credo possa essere un motivo di scandalo.
    in questo vedo un disvalore. nel fatto di chiedere agli uomini che vogliono avvicinarsi a dio una strada da seguire che li snatura dal loro essere fatti di anima e carne, il digiuno, l´anstinenza dai propri desideri, la mortificazione dei propri slanci vitali, la rinuncia, il sacrificio, la sofferenza, l´autopunizione (pensiamo all´uso passato e presente di strumenti come il cilicio) sono cose che ritengo vuote di spiritualitá vera, sono soltanto apparenze, gusci vuoti e pericolosi.
    quanta frustrazione ha generato nei secoli questo atteggiamento? quanto dolore inutile nelle passate e nelle presenti generazioni causa questo richiedere cose che non hanno un motivo religioso, ma soltanto di controllo dei nostri corpi e dei nostri desideri?
    gesú e la madonna erano esseri umani, per chi crede erano in una particolare condizione di contatto col divino, il primo era divinitá fatto carne e la seconda la madre, che ha permesso questa incarnazione del divino sulla terra. un messaggio stupendo, un dio che si rende uomo e che attraverso una donna (una donna, ricordiamocelo sempre, una donna, una figlia di eva) scende sulla terra e da uomo muore, con le sue paure, col suo dolore, col suo terrore consapevole della morte di croce che lo attende.
    uomini, e come tali come noi, fratelli, sangue del nostro sangue, come noi non esenti dalle tentazioni ma piú forti di noi, capaci di portare il messaggio divino con coraggio.
    maria risponde all´angelo che viene a farle visita. ribatte con i suoi dubbi, “come é possibile, io che non conosco uomo?” e poi accetta il suo compito “sono l´ancella del signore, sia fatta la sua volontá”.
    gesú chiede prima di morire al padre, se possibile, di non farlo passare dalla morte di croce “se possibile allontana da me questo calice” e poi anche lui accetta quello che deve fare “ma sia fatta la tua volontá”.
    ma renderli “diversi” da noi, attribuire connotazioni da seguire a qualcosa che é diverso dalla natura umana é qualcosa di crudelmente perverso.
    “ama e fa ció che vuoi” dice sant´agostino.
    tutto il resto é interpretazione. e come tale fallace.
    se maria ha fatto l´amore con giuseppe, se gesú ha fatto l´amore con maddalena, se entrambi hanno avuto figli o meno, beh, questo non toglie nulla, assolutamente nulla al suo messaggio.
    tutto quello che sta intorno al nucleo del messaggio cristiano é sovrastruttura umana, dipende dai valori che si sono voluti propagandare a seconda dei momenti storici che la chiesa ha attraversato.
    e se la chiesa cattolica non si renderá conto di questo e non cambierá le sue assurde e antistoriche pretese su contraccezione, diritti degli omosessuali, divorziati risposati, diritti delle donne, é destinata a perire per sua stessa colpa.
    e io, se QUESTA chiesa perirá, non potró fare altro che tirare un sospiro di sollievo.
    so che non esiste solo QUESTA chiesa. so che esiste una chiesa che é vissuta come la vive il cugifá e come la vive noachis, come la vivono tanti amici che conosco e che soffrono di questa cecitá. forse quella é la speranza, che tutti i “diversi” della chiesa, il prete di torino che benedice le unioni omosessuali, alex zanotelli che combatte il traffico di armi che coinvolge ANCHE il vaticano, tutti i preti coraggiosi, di frontiera, che lavorano con la gente, che vivono con la gente e ne conoscono i desideri e le sofferenze vere, un giorno si alzino in piedi, si tolgano la polvere dai calzari e lascino bagnasco, ruini, ratzinger, e tutta la compagnia a cuocere nel loro sciocco, inutile, crudelissimo brodo.

  38. 4ngel0 ha detto:

    @cugifà: Non capisco…se non sei d’accordo con le posizioni del clero, perché continui a frequentarne le “sedi”? Se tutti coloro che non sono d’accordo con le posizioni assurde della chiesa smettessero di frequentarla non darebbero un segnale forte?

    Poi…se quello che conta è il messaggio di gesù…non basta leggersi i vangeli? C’è bisogno di sentirseli leggere e intepretare da una istituzione che non ti rappresenta?

  39. crash ha detto:

    Ho letto con attenzione, apprezzamento e rispetto le tue parole Lucia.

    x angelo:….se non sei credente: sei coerente con quello che affermi. Se sei credente, come lo è cugifà e come lo sono anch’io, è assurdo quello che affermi. Intanto cugifà ha manifestato che non è d’accordo solo con una parte, con quello che chiamiamo “lo sfarzo”, a volte di certe Chiese, non per niente frequenta ambienti più “modesti” dove ci si può “raccogliere” meglio (come è il caso mio); inoltre non basta leggere questa o quella lettura, perchè c’è il rischio di dare una ns. interpretazione: occorre che almeno sia presente chi “rappresenta l’istituzione”, come la chiami tu. Per esperienza personale quando ascolto dei commenti (prediche) a “fatti” del vangelo, molto spesso ascolto sentimenti nuovi, mai provati. Ricordo sempre una fredda mattina all’Eremo delle Carceri: eravamo in quattro ad ascoltare la messa celebrata da due frati francescani……beh….non ci sono parole per dire la bellezza delle parole, dei pensieri di bontà e di fraternità ascoltati, sono uscito sconvolto, ed eravamo solo in quattro persone. Sì è vero Lucia, ma tante congetture “restano là”, quello che conta è adesso con i pro (che sono tanti) e con i contro (che sono altrettanti…se non di più)….non esiste una ricetta…… costruiamo insieme qualcosa…senza pregiudizi,m acon tanta volontà….!

  40. oppapi ha detto:

    “va bene che è unto, ma qui non si parlava di dio?
    avete presente? quello incazzereccio col triangolo.”
    .
    Le parole sono importanti sì, ma a intermittenza, e allora:
    dio non è unto, ma solo maquillé, e quello non è un triangolo, è una bandana ;-)

  41. cugifà ha detto:

    Angelo vado in chiesa non per il prete e non sentirmi commentare il vangelo da qualcun’altro (anche se a volte si sentono omelie di persone che sono ispirate e hanno veramente qualcosa da dire, vedi il commento di crash), vado in chiesa per avere un incontro con il padrone del piano di cima in toto anche nella comunione che da altre parti certo non posso ricevere, inoltre credo che certe cose dovremmo cercare di cambiarle non con l’assenteismo o con lo scappare ma lavorando dall’interno per cercare di cambiare le cose.
    Se in politica tutti si dicesse che visto che il mondo politico è di merda nessuno vada a votare si risolverebbe qualcosa? Credo di no, è meglio esserci e esprimere la nostra opinione e fare opposizione.
    Della chiesa non è che non sopporto i tesori che sono dentro le mura quelli sono abbellimenti che a me non piacciono perchè preferisco luoghi umili, ma lo sfarzo a cui mi riferisco è principalmente quello espresso dagli uomini di chiesa, croci d’oro appese al collo mentre la gente muore di fame, predicare la povertà mentre loro girano in mercedes, e tanta altra ipocrisia. Per fortuna ci sono e ci saranno sempre anche uomini di chiesa ispirati ma purtroppo sono sempre più rari, ma credo che sia ancora possibile trovare (quanto meno ho bisogno di crederlo) dei S. Francesco moderni che nei giorni nostri riescano contro tutto e tutti a vivere ancora il vangelo, calato ai giorni nostri.

  42. 4ngel0 ha detto:

    @cugifa: non credo si possa fare un paragone con il voto. La chiesa cattolica non si vota, è una struttura imposta al fedele, che non può scegliersi un bel nulla, dal parroco al papa. È una struttura gerarchica e non democratica. Per cambiare le cose lavorando dal’interno dovresti diventare papa…ma a quel punto sarei costretto a prenderti a pedate (in quanto papa).

    La chiesa, ma in generale le religioni che mettono un dio qualunque da qualche parte hanno sempre visto nell’arte un’offerta a dio…prendi a esempio la pittura trecentesca, eseguita spesso su foglia d’oro…materiale prezioso, perché preziosa è l’offerta a dio.

    Sul lusso che circonda gli uomini di chiesa mi trovi perfettamente d’accordo…e ti chiedo…ma invece di baciare l’anello al vescovo…perché non gli chiedi di venderselo per i poveri e non ti limiti a stringergli la mano?

    @crash: non sono credente…anzi sono uno sporco materialista mangiapreti (possibilmente con un filino d’olio a chrudo).

  43. cugifà ha detto:

    x Angelo non solo non gli bacio l’anello, ma gli chiedo di vendersi la croce d’oro che porta al collo non solo l’anello e di mettersene una di legno!
    Non occorre essere Papa per cercare di cambiare qualcosa, e non mi sono mai sentito imposto nulla, quello che faccio lo faccio per scelta, e se dall’interno con il mio esempio screanzato posso fare qualcosa e altri mi seguiranno allora non avrò laovrato invano.
    l’esempio della politica è calzante, io posso scegliere se essere un semplice baciapile che si adatta o un cristiano “ribelle” come un cittadino può scegliere di sbattersene della politica o andare a scegliere il male minore!

  44. crash ha detto:

    ……l’avevo capito……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...