soddisfazione e amarezza

ecco le foto della manifestazione di ieri.

ringrazio Urs che era con me e me le ha mandate: io mi ero scordata di mettere in carica la macchina fotografica.

è stata una bella manifestazione. allegra, piena di gente, e, cosa che mi ha fatto particolarmente piacere, piena di giovani coppie con i bimbi piccoli e piccolissimi. mi faceva pure un po’ effetto vedere questi microbimbi imbacuccati col nasino congelato dal freddo zampettare con la propria biciclettina dietro ai genitori o addormentarsi imbottiti in un passeggino versione piumone ambulante (mmm! invidia!).

tanti bimbi avevano anche il loro cartello. guardate:

p1030442.JPG

un’ altra cosa che mi è piaciuta un sacco è stata che c’erano davvero “tutti” inteso nel senso di “tutti”.

ho iniziato la manifestazione che ero vicina alle bandiere di die linke e della SPD, a metà manifestazione ero nel gruppo della “scuola popolare evangelica di percussioni e capoeira”, a fine manifestazione mi sono trovata accanto alle bandiere di solidarnosc, passando per tutte le sigle sindacali, le associazioni di cittadini, i giovani di tutti gli schieramenti politici.

p1030440.JPG

.

p1030453.JPG

siamo arrivati davanti alla sinagoga nuova.
p1030458.JPG

nella piazza della sinagoga hanno parlato i rappresentanti delle principali associazioni, il sindaco di Jena  (Albrecht Schröter, SPD, del quale mi sono follemente innamorata. ho purtroppo visto su wiki che è alle sue terze nozze, ha cinque figli e tre nipoti e, notizia non da poco, è un discendente di Händel) e un signore della repubblica ceca, di cui purtroppo non ricordo il nome: un ebreo, sopravvissuto alla shoà, che ha ricordato in un canto tutti gli oppositori morti durante la barbarie nazista.

ebrei, zingari, comunisti, socialisti, omosessuali, testimoni di geova, portatori di handicap, oppositori di tutte le fazioni.

ha ricordato il sacrificio dei russi, ha ricordato le grandi battaglie dove il nazifascismo è stato sconfitto a costo di gravi e pensanti perdite militari e civili.

e cantando mi ha torto la pancia. quelle parole, che la maggior parte delle volte neanche capivo, quella voce e quella musica mi hanno preso lo stomaco e me lo hanno strizzato come si fa con un cencio bagnato.

mentre diceva “el alamein” pensavo che da noi si ricorda come un momento nel quale i “nostri soldati” hanno dato prova di coraggio e determinazione, senza dire mai da che parte erano i nostri soldati, senza dire mai “e va bene, ma se per caso vincevano loro cosa sarebbe successo nel mondo?”

ho pensato che il nostro presidente del consiglio non va al 25 aprile perchè dice che è una festa di parte.

ho pensato ai due sindaci che ho sentito parlare in questi due giorni: il sindaco di dresda, frau Orosz: CDU e quello di Jena, Herr Scröter: SDP che hanno detto no, con forza, con determinazione ai rigurgiti neonazisti, razzisti, intolleranti, xenofobici e poi ho pensato ai sindaci di treviso, che levano le panchine, a alemanno sindaco di roma, a altopascio, che anche loro, nel loro piccolo qualche cazzata la devono fare e sennò si sentono troppo provinciali, che ha organizzato “le ronde”, penso al sindaco di lucca che non mangia kebab.

quello che qui è normale rispetto per il prossimo, per i valori civili, per la democrazia, in italia è “propaganda comunista”. a me ha fatto paura la differenza.

mi veniva da piangere, non solo per quello che succedeva qui, ma soprattutto per quello che NON succede nel mio paese.

perchè io qui sento delle parole che sono parole di normale civiltà e mi sembrano rivoluzionarie, perchè noi italiani, abbiamo perso il senso della misura della dignità umana, quello che in europa è ovvio e scontato (ci sono i neonazisti? bene, tutte le forze politiche, religiose e civili manifestano insieme) in italia non lo è più.

la televisione e la propaganda incessante ci hanno cotto il cervello. non sappiamo più dove sia il limite. stiamo scivolando verso la barbarie e lo facciamo guardando il grande fratello.

e un’ultima cosa:

ieri ho ballato con i tamburi dei ragazzi della gioventù evangelica, erano tanti, si divertivano come matti e facevano divertire tutti noi.

e ho pensato al modo tristemente medievale di vivere la vita pubblica dei cattolici italiani, al cilicio intorno alla gamba della binetti e a quello intorno alla testa di molti altri.

a cena avevo una pastora protestante, la sorella di Arne. rideva, diceva che in tedesco “pastora” (Fraupfarrer) significherebbe “la moglie del pastore” allora già che c’era ha deciso di sposare davvero un altro pastore e così festa finita.

prego tutti i cattolici italiani: continuate sulla via del vaticano secondo, in fin dei conti, cavolo, lo ha indetto un papa, era un concilio, roba seria, e incentivate i gemellaggi con le chiese protestanti tedesche.

forse vi accorgerete che fra i pastori e i loro fedeli ci sono coppie omosessuali, che fanno sesso con metodi contraccettivi veri, che quando c’è da scendere in piazza lo fanno e non stanno a mettere i paletti, e un sacco di altre cose belle.

e non si sentono meno cristiani per questo.

potete farlo anche voi sapete?

non è mica necessario fare come rutelli.

si può essere cristiani anche senza rovinare la vita al prossimo tuo.

p1030444.JPG

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a soddisfazione e amarezza

  1. 4ngel0 ha detto:

    Bel resoconto! Quoto e approvo tutto quello che dici. Ma quando ti rivolgi a rutelli intendi quel rutelli radicale e anticlericale che militava nei radicali?

    Ma…un fatto importante può essere il numero dei nazi? Quanti erano lo sai? Più o meno dell”anno scorso? E quanta polizia c’era?

    Per come me l’hanno descritta, DD è una specie di mosca bianca in sassonia. La città è molto moderna, aperta e sempre sensibile alla civiltà. Ben altra cosa succede fuori. Le persone stanno male, non c’è lavoro, e sono molto deluse da come vanno le cose, la delusione si trasforma in rabbia, e nella rabbia i corvi ci sguazzano. Un collega mi disse che a Pirna e Meißen la NPD ha fatto il pienissimo dei voti.

  2. lucia ha detto:

    sì, l’hanno detto anche ieri, che combattere il neonazismo significa proprio agire sul terreno sociale e economico delle “periferie dell’impero”.
    pirna e meißen non le conosco bene, sembrano entrambe città da cartolina, la prima col suo bel ponte antico (e sullo sfondo il castello-prigione-campo di concentramento…) e la seconda, beh, meißen è meißen, porcellana, giapponesi e viettine con negozi di antiquariato.
    cosa ci sia dietro, nei palazzoni, non lo so…
    credo che l’NDP abbia preso il 9% alle ultime elezioni regionali. direi che è troppo.
    le cifre sono ridicole in termini numerici, considera che i neonazi erano “attesi” in circa seimila e erano cinquemila (fonti polizia) i poliziotti tremilacinquecento (quasi uno a testa) e gli “antinazi” circa il doppio.

  3. 4ngel0 ha detto:

    Eh…per quello che mi riguarda anche 1 voto è troppo. La cosa preoccupante è che continua a crescere. Vedo adesso che nel 2008 hanno preso seggi in tutte le sezioni. Anni fa avevano le loro roccaforti nella provincia, ed in particolare nella svizzera sassone. Adesso si sono diffusi, e la cosa è MOLTO preoccupante.

    E non sembra un fenomeno da “circo”, questi sono organizzati e incazzati…guarda qua:

    vu vu vu .npd-sachsen.de/index.php?s=3

  4. Tommaso ha detto:

    La scuola popolare evangelica di percussioni e capoeira mi ha fatto venire in mente “trappisti.org”. In Italia uno spettacolo del genere, con la ragazzina punk accanto alla suora incartapecorita, l’abbiamo visto alle primarie dell’Unione il 16 ottobre 2005 e fu commovente. Salvo accorgerci sei mesi dopo che la società civile non sopravanzava numericamente il popolo bue.

  5. lucia ha detto:

    angelo, credo che eviterò.
    guardarli in faccia l’anno scorso mi fece molto male.
    non ho voglia né di andare in quel sito, né di farmi contare da quelle bestie.
    ma grazie lo stesso.
    per tom: le primarie dell’unione furono un momento grandioso, e per lo meno hanno avuto il pregio di farci incontrare e conoscere. ma poi non lo so cosa sia successo al paese.
    da quella maledetta notte delle elezioni è iniziato un incubo.

  6. Bianca_Hamburg ha detto:

    Buongiorno! Sto vedendo ora, su Euronews le immagini della manifetsazione a Dresden, sembra veramente grande. Purtroppo la tv mostra solo gli scontri con la Polizia, una camionetta rovesciata e qualche manganellata. Decisamente mi piace molto di più il tuo racconto e le foto cosi’ colorate nonostante il cielo grigio.

  7. lucia ha detto:

    sì, ho visto che sono state rovesciate due camionette della polizia, i cretini ci sono sempre, nel caso di dresda, li ho visti, erano una trentina di black block…
    fa anche abbastanza ridere che 3.500 poliziotti si siano fatti rovesciare due camionette da 30 imbecilli…

  8. Tommaso ha detto:

    Lucia:
    nella primavera del 2006 non è successo assolutamente niente: semplicemente per le politiche la destra ha riportato a votare gli elettori che erano stati a casa per le amministrative e le regionali che ci avevano tanto entusiasmati (alle europee, dove era candidato Berlusconi, il risultato era stato molto meno esaltante). Non è iniziato un incubo, ci siamo solo svegliati da un sogno.

  9. lucia ha detto:

    mi sa di sì.
    anche se, pur senza prove, io continuo a pensare che l’inghippo ci sia stato.
    e la cosa mi inquieta.

  10. 4ngel0 ha detto:

    Su quello che è successo alle politiche 2006 credo che non lo sapremo mai…ma visto chi governava da cinque anni, e chi ci governa oggi…a me viene più di un sospetto.

  11. Tommaso ha detto:

    Distinguiamo. Che a Berlusconi sia venuto in mente, quella notte, di invalidare le elezioni e che Ciampi gli abbia telefonato per dirgli dovrete passare sul mio cadavere è, purtroppo, plausibile.
    Ma sui brogli, sinceramente… Le schede erano effettivamente molto più semplici ed era praticamente impossibile dare un voto nullo se non volontariamente. Nel 2001 la CdL ha avuto 18 milioni 400 mila voti, nel 2006 19 milioni. Forza Italia ha perso quasi 2 milioni di voti, l’Udc ne ha guadagnati quasi uno e mezzo. Io ho l’impressione che rispetto alla tornata precedente si siano mobilitati quegli elettori che non volevano “i comunisti al potere” (rischio che nel 2001, con il centrosinistra diviso, non c’era). Che dite?

  12. lucia ha detto:

    io credo che siano successe entrambe le cose.
    credo che il “complottista” “uccidete la democrazia” di deaglio e cremagnani metta in fila una serie di indizi inquietanti, se vi capita guardatelo. non sono prove, l’ho già detto, ma a guardare quel documentario vengono davvero i peli ritti sulla schiena.
    in ogni caso siamo in maggioranza un popolo di merda, su questo ci sono pochi dubbi, e abbiamo la classe politica che ci meritiamo.
    peccato per la minoranza che di merda non è e che non merita tutto questo.

  13. Angelo ha detto:

    Il film l’ho visto…effettivamente dice delle cose da far accapponare la pelle…certo… alcune sono congetture…ma che qualcosa sia successo penso sia possibile…

    Aggiungo anche che non è solo la classe politica che non ci meritiamo, ma anche un’intera classe dirigente, sviluppatasi per nepotismo, leccaculismo, servilismo, testavuotismo…e per colpa loro noi sprofondiamo… che culo eh?

  14. Tommaso ha detto:

    Però nel 2008 le schede bianche sono rimaste più o meno le stesse che nel 2006, nonostante il governo Prodi avesse cambiato i vertici della polizia, dell’esercito e dei servizi…

  15. lucia ha detto:

    anche questo è da considerare in effetti…

  16. Angelo ha detto:

    Bisognerebbe interrogarsi di quanto possano influire sulla continuità di determinati apparati dello stato i cambiamenti. Certo è che la P2, che al momento è al governo, è per sua natura trasversale. E certo che per la loro natura i funzionari non si sbilanciano tanto…

    E poi…il governo prodi ha fatto talmente male (non i termini di azione…quel poco che hanno fatto non era malissimo, ma in termini d’immagine) che anche una scimmia sbronza sarebbe riuscita a vincere…Anche se ricordo delle sparate del nano che mi hanno fatto pensare: o questo è scemo, oppure è talmente sicuro di vincere che si permette il lusso di fare la campagna elettorale con l’handicap. Buona la seconda.

  17. ADBlues ha detto:

    Ormai non ci spero più di vedere qui in Italia una grande manifestazione tutti insieme contro i rigurgiti neri, xenofobi, razzisti ed in difesa della Costituzione.

    E questo non perchè non ci siano italiani che condividano questi valori, semplicemente perchè è successo qualcosa nella nostra società; tutti si scontrano sulle questioni spicciole ed “insignificanti” e si perdono di vista quelle fondamentali.
    Non so perchè avvenga questo ma avviene.

    E per quanto riguarda i possibili brogli ragazzi guardate gli Italiani, vi sembra davvero impossibile guardando come si comporta la maggioranza dei nostri connazionali che abbiano votato in massa il nano? A me no.

    —Alex

  18. nonsonosola63 ha detto:

    Bellissima manifestazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...