attenzione! puppe di mamme!

puppa-di-mamma.JPG

nell’inghilterra vittoriana si tenevano nelle librerie di casa i libri scritti dagli autori maschi in scaffali diversi da quelli scritti da autrici femmine.

facebook ha invece avuto la bella idea di censurare le foto che alcune mamme, babbi o zii o nonni hanno messo sulla loro home page per raccontare il loro bambino.

non lo so quanto sia “normale” stare a mettere su un posto così “open” una cosa tanto intima e personale, ma non sono fatti miei.

la censura di facebook è ridicola nel senso e nella misura.

definire le foto di seni che allattano “osceni” designa una mentalità deviata. come nella migliore tradizione, l’occhio del censore è assai più malizioso di quello del censurato.

devo ammettere una cosa: mi mettono un pochino in imbarazzo sia le “cose da donna” che le “cose da mamma”. come una vecchia signora non avrei mai voglia di parlare di assorbenti o mestruazioni dolorose e quant’altro, in farmacia compro assorbenti e ibuprofene con la naturalezza di mister bean e le donne che all’improvviso si snudano una tetta per allattare il pargolo in coda dal salumiere mi fanno un certo che, l’amica o la mamma che mi parla dei punti avuti per partorire e tutto il corrimi dietro mi gettano in un imbarazzo profondo. non ci posso fare nulla.

ma sono consapevole del fatto che è un pudore MIO. solo mio. non credo metterei mai foto di mio figlio attaccato al mio seno su internet, anche se mai dire mai.

la censura di facebook è veramente ridicola.

inizio a avere il timore che lo abbiano inventato solo per farci giocare a word challenge (droga mia personale) e pet society (droga che NON voglio incominciare…).

viva le mamme, viva le puppe e viva i bimbi.

oh.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a attenzione! puppe di mamme!

  1. ADBlues ha detto:

    Che idiozia!

    —Alex

  2. Pietro ha detto:

    La censura di Facebook è perfettamente ridicola, com’è ampiamente dimostrato, l’allattamento al seno è naturale ed aumenta le difese naturali del neonato/a….E se io amo le donne, è anche grazie al fatto che mia madre mi ha allattato…al seno!

  3. Giorgiorgio ha detto:

    più si va avanti e più ho l’impressione che si torni indietro…nei film “commedia sexy” degli anni ’80 nessuno trovava scandaloso mostrare un pube femminile nudo, ora si. E si sta andando sempre più verso il vittorianesimo….in un mondo dove anche nella più cazzona delle pubblicità s vedono puppe a gogò, stare a farsi dei problemi per un seno che allatta è allucinante. Io direi che far vedere certe immagini è, piuttosto, educativo!!

    Però effettivamente c’è a chi dà noia…ma d’altra parte anche secondo me son “probelmi loro” !!

  4. Andrea B ha detto:

    Non sono documentato su questa censura. Tuttavia devo dire che non mi piace la scelta: prima Facebook incoraggia a sciorinare tutta la propria vita privata e a condividerla con il mondo, poi interviene su cose che di censurabile non hanno niente. Sono dalla seconda ora critico sulla politica di condivisione con ben poco controllo del sito, ma come dici tu che è una questione di sensibilità verso immagini e racconti, io estendo dicendo che è una mia scelta e una mia responsabilità fare in modo che girino solo le cose che mi va che vadano in giro. Quando non si offende nessuno, l’intervento del controllore deve essere limitato…

    Cmq quanti punti hai a Word Challenge? ;-)

  5. Angelo ha detto:

    Beh…visto l’andazzo non mi stupisco più di tanto…Certo che questa cosa fa decisamente un po’ ridere…ma d’altra parte sono americani. O sbaglio…

    A questo punto, perché non censurare anche una buona parte del patrimonio artistico mondiale? I musei sono pieni di madonne che allattano, è uno scempio. Facciamo una bella petizione: coprire le maternità con un telo nero, come facevano nell’ottocento con il famoso quadro di Courbet, l’origine del mondo.

    P.S.
    Cazzo sono uord cialleng e quell’altra cosa la?

  6. lucia ha detto:

    per angelo: e anche i pipi allora! le mutandone al david gli starebbero da dio… :) word challenge e pet society sono giochini interni a facebook. (per andrea B: intorno a 20 000 ma ultimamente mi hanno battuto con un tragico 30 000).
    infine una domanda a pietro: l’ultima frase lascia un po’ capire che così come il sistema immunitario l’allattamento al seno rinforzi anche l’eterosessualità! non te l’avrà mica suggerita povia? ;)

  7. Angelo ha detto:

    Giusto. Bisogna proporre anche una campagna per lo sfavamento dell’arte. No, non per deprimerla, ma per emendarla dalle numerosissime sghebbie. Sono ovunque, quadri, statue, affreschi…un macello! Certo che gli antichi non avevano proprio pudore. Che sc’andalo!!!!

  8. Andrea B ha detto:

    Io mi sono fermato ad un dignitoso ma contenuto 14000… Poi ho dovuto liberarmi dalla mania, altrimenti di 3 minuti in 3 avrei fatto nottate… 30000 cmq è super difficile!

  9. lucia ha detto:

    il mio fratello mi ha detto che c’è anche un modo per barare. ma io sono integerrima! (e soprattutto non me lo ha ancora detto di preciso qual è!) eheheh.
    mi ha anche detto che dipende tantissimo dalla performance del computer, più un computer è nuovo e veloce più punti fai perchè il tempo non rallenta in proporzione.
    un’ultima cosa…
    ebbene sì, io e mio fratello siamo dei deviati.
    mentali.

  10. Simona ha detto:

    anche io personalmente non credo che metterei in rete foto così personali, ma censurare l’allattamento mi sembra la trovata più idiota degli autori di féisbucc..e soprattutto il vederlo in un’ottica maliziosa.

  11. Donna allo specchio ha detto:

    Sono contraria anch’io alla censura pur condividendo il pudore di Lucia sulle donne che allattano. Dovunque uno si gira qui si trovano donne che danno il latte al bimbo, nei negozi, in fila per il pane. Ed effettivamente io mi sento a disagio, ma solo perchè l’allattamento è un fatto talmente intimo che a mio avviso dovrebbe essere privato.
    Ma da li a che un terzo si permetti di censurare mi sembra ridicolo.

  12. Roberta ha detto:

    Anche tu word challenge? io sono una pet society maniaca, come word challenge, e anche pathwords (provalo, ti piacera’ assai).
    Comunque per tornare al tuo discorso, ti do’ pienamente ragione, ci sono cose che io non posterei online, ma un seno di una mamma che allatta (sebbene io non posterei mai una foto mia con un eventuale figlio mentre allatto) a me non da’ fastidio. O semplicemente, se mi da’ fastidio non la guardo, passo avanti. Ma mi stupisce che, con tutti questi culi e queste tette che spuntano ovunque su internet, si vada a censurare prorio questo. Ma l’hano visto che roba c’e’ su myspace?

  13. Roberta ha detto:

    ps, il mio word challenge e’ miserrimo, ma lo faccio in inglese…

  14. Andrea B ha detto:

    Definitivamente OT: Chissà a quanto arrivo con un Word Challenge in tedesco… La vedo nera… Però devo ammettere un colpo di maniacalità che ho avuto e superato con difficoltà: stavo per fare un foglio excel con cui generare tutte le combinazioni possibili… Sai che punteggio!

  15. Roberta ha detto:

    Per Andrea, se lo fai il foglio excel, a quanto lo rivendi? :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...