lucettina andò per caramellar…

casina.jpg

e fu caramellata!

premessa…

ho portato a casa per natale una casina di biscotto che avevo trovato un giorno a ikea.

sulla confezione troneggiava una meravigliosa, hänselundgreteliana casetta di biscotto in un trionfo di confetti e neve, più o meno come lo vedete nella foto del cartellone.

ignorante della vita e delle cose di mondo l’ho presa.

e fiera fierissima l’ho mostrata ai miei.

“quest’anno si mette a centrotavola una casina di biscotto”.

mi hanno incominciato subito a prendere per il culo, ma io non mi sono arresa e l’ho aperta.

pensavo di trovare una roba tipo ikea. nel senso: da una parte le pareti di biscotto, le viti di biscotto e la brugola di biscotto,

i confetti in un sacchettino e delle istruzioni numerate come quando ho montato il letto.

mi sbagliavo.

nella confezione c’erano solo le pareti.

e piccino piccino, sul retro, in tutte le lingue: “assemblate la casetta con dello zucchero fuso e decorate a piacere”.

mi sono forse arresa?

naaaaaaaaaaaaaaa.

una mattina che eravamo soli io e il mio babbuth l’ho preso da parte e gli ho detto “ORA si fa la casina. POI si porta a nonna ida per centrotavola di natale”.

non ha avuto il cuore di fermarmi.

mi sono messa a fondere lo zucchero (che fonde a circa 200 gradi) e a montare la casetta.

mentre il babbuth la teneva, io con un mestolo cercavo di incollare le pareti.

ovviamente una gocciolona di caramello è finita sulla mia manina d’oro. appiccicandosi e cuocendola. mmmmmmmm. ma NON ho bestemmiato.

con la zampina bruciacchiata (non avete idea di quanto faccia male… maledizione…) abbiamo continuato a murare la casetta, ma se incollavo il tetto mi veniva giù una parete, se riattaccavo la parete si seccava il caramello del tetto e non faceva presa, per tenerla ferma io ho rotto un pezzo di comigolo e il babbuh ha aperto uno squarcio nel tetto.

alla fine ci siamo rotti, abbiamo invocato un terremoto (che infatti è venuto davvero, ci siamo sentiti pure in colpa) abbiamo schiacciato delle nocciole e col caramello ci abbiamo fatto il croccante.

che disperazione!

la beffa finale è stata quando ho fatto un giro su internet per trovare le immagini di casette fatte.

più o meno ho trovato cose del tipo:

“ecco, questa è la casetta che ha fatto la mia bambina di tre anni!”

gingerbread-house-elise.jpg

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a lucettina andò per caramellar…

  1. Mana ha detto:

    Ciao Luci, eccomi qua per il consueto Notturno dalla California :)
    Sara’ un’impressione eh, ma non e’ che tu e la mammuth avete il piglio comandino in comune e tuo padre E’ UN SANT’ UOMO??

  2. lucia ha detto:

    ehm…
    qualcuno ne ha il sospetto in effetti. e chiama il babbuth “il povero nello”…
    ma secondo me non è vero… eh.. insomma… forse un pochino…
    ma sai… se non lo si comandasse… poi fa sempre degli arrosti…
    via…
    parlerò solo in presenza del mio avvocato!
    :D

  3. Angelo ha detto:

    Visto che da quelle parti mi sembra si arpìeggi abbastanza…
    Ma sei proprio sicurasicurasicurasicura che il tu’ babbo sotto sotto non ti Habbia trinciato la casetta apposta?

    E poi scusa…vada per le pareti, che potevi benissimo incollare con l’attak (o col bostik) ma il resto degli altri trojaj dove lo rimediavi? Tipo la panna, le caramelle mou, i bastoncini di veleno ecc…
    Siccome sono in bonissima, mi pregio di suggerire una verZione alternativa:

    Al posto dei biscotti (sicuramente stantiii) dell’ikea puoi usare delle fette di pan carré, oppure dei craker giganti, che puoi tenere inZieme con del mastice. A questo punto, prendi della schiuma da barba e cominci a decorare il tetto. Puoi continuare l’opera con dei bastoncini di liquerizia o di cannella, dei bulloni (anche colorati) al posto delle caramelle mou (che oltretutto fanno venire la carie). Altro lato positivo: se ti prendono per il chulo, puoi sempre tirargli i bulloni.

    P.S.
    Ah…buon appetito!

  4. Megant ha detto:

    Mi hanno sempre attratto quelle casette…ora capisco perchè ne ho sempre rimandato l’acquisto ;)

  5. ilaria e marco ha detto:

    hai provato a rivolgerti ad un’ impresa edile?

  6. lucia ha detto:

    sì, ma mi sono bruciata con la calcina!

  7. Mana ha detto:

    Eh, si vede che al babbuth le donne comandine in fondo NI garbano! Un bacione a te e a tutta la Delciaro Familie :))

  8. lucia ha detto:

    buongiorno!!! :D
    eh, NI garbano e NI ci vogliono!

  9. ilaria e marco ha detto:

    ma la calcina non brucia

  10. ilaria e marco ha detto:

    la calcina brucia se te la tiri negli occhi ma di solito si mura con le mani

  11. Simona ha detto:

    dev’essere un casino da come lo descrivi..e effettivamente, il tuo babbuth moooolto paziente ;)
    salutamelo..

  12. perseo ha detto:

    Meglio le casette prefabbricate???? :)
    Questo post è dolcissimo!

  13. lucia ha detto:

    sarä per via del pan di zenzero! ;)

  14. lucia ha detto:

    ahem: per ilaria e marco: era una battuta… ma certo te marco se muri con le mani… non deve venire un bel lavoro! ehehehe!
    per simo: si lo è. a parte quando il pover’uomo tentava di insegnarmi il latino… magari lo racconterò un giorno. venivano fuori dei gustosi siparietti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...