luciape

bzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz!

e bzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz!

bz bz bz bz bzzzzzzzzzzzzzzzzz!

un saluto aposo a tutti quanti.

ricordo ancora la prima volta che ho desiderato ardentemente di essere un’ape.

ero a marina di grosseto e c’era una spalliera di gelsomini fioriti. un mare di bianco profumo. pieno di api ronzanti.

senza pensarci ci infilai la faccia, confondendomi tra il profumo penetrante e il rumore del ronzio (non erano vicine le api! non volevo farmi pungere né spaventarle) e fu bellissimo.

da allora ogni volta che vedo un fiore, particolarmente bello, o deliziosamente profumato non mi pirito di inficcarci il naso dentro (sì, lo so, ci vuole un fiore bello grosso) e godo di questa vicinanza, di colore e di profumo. spesso lo ritiro fuori giallo di polline, mi piace molto l’idea!

e poi, da appassionata consumatrice di miele, le api non possono non starmi simpatiche.

una volta da piccina ero con i miei genitori dall’apicoltore (non si diceva “dall’apaio”) e guardavo ammirata i barili ricolmi di miele quando un’ape finì dentro a uno di questi.

invischiata nel miele non riusciva più a venire sù.

e io chiamai il mio babbo, e come tutti i bimbi, pensando che il babbo potesse fare tutto, gli mostrai l’ape in agonia.

avevo ragione.

il mio babbo fece arrampicare l’ape sulla punta della chiave della macchina, la tirò fuori dal barile e da un rubinetto che gocciolava piano piano piano lavò l’ape dal grosso del miele. poi la mettemmo su un muretto al sole e la osservammo dopo pochi minuti andare via.

se avesse aiutato una cerva a partorire e avesse bevuto un bicchiere di amaro montenegro non mi sarebbe sembrato più eroico di come mi parve quel giorno dall’apaio.

ma torniamo a luciape.

ieri sera ero invitata a una festa di halloween tedesca. halloween nel “vecchio mondo” mi fa un po’ specie, e poi se devo scegliere ho sempre preferito il grande cocomero, ma qui non hanno il carnevale, ho pensato che dovevo approfittarne, non avrei avuto un’altra occasione per mascherarmi in germania…

i lettori “storici” del blogghino conoscono già la mia prima performance da ape.

le ali e le antenne da ape sono sopravvissute al trasloco internazionale e da quando vivo nella casa della giraffa sono appese nel corridoio.

così ho deciso che con un pochino di aggiunte e perfezionamenti l’apona poteva tornare in azione.

mi direte che un’ape non fa paura.

ma un’ape di un metro e settanta direi di sì!

:)

ieri pomeriggio ho girellato per il centro in cerca di ispirazione per farmi un vestito da ape.

alla fine ho trovato dei fiori e delle api di pannolenci giallo, dei coprimaniche di velluto gialli e un ramo di ginestra finta.

e così con delle spilline ho appuntato le api e i fiori gialli a un golfino nero e a una sottanina nera, ho attaccato alla gonna anche un’ape di peluche cicciona e bellissima che mi aveva regalato claudina e poi ho comprato dei colori per il viso tipo carnevale.

questo è il risultato a casa prima di partire per la festa.

luciape.JPG —————————————————–

luciape2.JPG ——————————————————

mi sono portata dietro colori e brillantini perchè hans wolf era passato prima da casa mia e mi aveva chiesto di truccarlo.

la festa è stata bella, c’era stephan vestito da ferito, yvonne vestita dalla versione “zoo di berlino” di pippi calzelunghe, david vestito da vampiro transessuale, katharina vestita da darklady, la bionda e la rossa vestite da indovine, patrick aveva una forchetta piantata in testa, e poi c’ero io vestita da ape.

in più un po’ di gente che si è presentata in borghese. scelta legittima, mascherarsi non era obbligatorio.

ma quando ho tirato fuori i colori per il viso si è formata la coda. ho dipinto le facce di tutti, non vedo l’ora che katharina mandi le foto così ve le faccio vedere, io presa dall’estro creativo non ne ho fatta neanche una…

bzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a luciape

  1. unodicinque ha detto:

    e poi ci lamentiamo di quello che dicono i tedeschi di noi :o))))))))))

  2. 1,2,3 stella ha detto:

    hihihi
    lucia è sempre un piacere passare da te!! ;-)
    buona domenica

  3. 4ngel0 ha detto:

    Ok per la festa…
    Ok per il costume…

    Ma è allouiin!
    Quest’ape è sanguinaria? Hai predisposto una mannaja al posto del pungiglione?

  4. Mana ha detto:

    Ti sei fatta il colore ai capelli? Ti comunico che oltre al copriletto abbiamo anche le sedie e i cuscini uguali (a ‘sto punto immagino anche il tavolo…)

  5. lucia ha detto:

    no, sono sempre il solito color topo di campagna, come dice il mio parrucchiere lamentandosi che non gli ci faccio mai mettere le mani! :D
    eh mana, che ci vuoi fare, è la maledizione di ikea! :)

  6. lucia ha detto:

    ah, ma aspetta! le sedie colorate non le ho comprate da ikea! invece quelle di legno me le regalò il ragazzo che stava prima di me nella casa a lussemburghio insieme al tavolo perchè nella nuova casa dove andava ce l’aveva già e non sapeva che farsene. ma le aveva ovviamente comprate a ikea! ehehehe.
    ps: in settimana vado con thomas a comprare un divano letto, poi ti faccio sapere! basta che anche quello non vada montato con la brugola perchè sennò impazzisco!

  7. zundapp ha detto:

    io di uguale ho la poltrona e mi sembra la libreria. ikealizzazione.
    l’ascia sanguinolenta dell’ape però non la vedo…

  8. lucia ha detto:

    se si vedesse, addio sorpresa…

  9. ADBlues ha detto:

    Badala lì, l’apona!

    Ammiro la creatività ma “allouiin” non la reggo proprio come festa!!!
    Comunque belle le foto come immagino sia stata bella la compagnia.

    —Alex

    PS = spiacente di deluderti, la brugola è il centro dell’universo IKEA! Mi sa che ad Älmhult hanno persino degli altarini alla dea brugola alla quale offrono sacrifici umani (le galle alle mani)!

  10. color72 ha detto:

    Mitica Lucia!
    Carina la tua casa.
    Lorenzo

  11. Roberto ha detto:

    Carissima Luciape, recentemente ho acquistato dal sito http://www.nici.de un’ape in peluche dalle seguenti dimensioni: lunghezz 60 cm. , circonferenza 130 cm. ca.; veramente la ritenevo troppo grossa e stavo quasi per rispedirla in Germania quando ho avuto un ripensamento: non potevo separarmi dalla mia Apona Cicciona, ors è seduta sulla panchetta del pianoforte e stasera per caso ho cliccato il suo nome e sei comparsa tu travestita da ape. Piacere di conoscerti, io adoro le api e i loro prodotti, ad aprile a Torino, dove abito, inizierò un corso base di apicoltura. A presto da Roberto da Torino amico dell’Apona Cicciona.

  12. lucia ha detto:

    :) un saluto a te e anche uno per l’ape cicciona!

  13. lucia ha detto:

    uhm… fammi capire…
    hai cliccato “ape CICCIONA” e sono venuta fuori io?
    uhm mumble mumble mumble….
    forse è meglio se mi metto a dieta…

  14. Roberto ha detto:

    L’Apona ed io auguriamo Buona Pasqua a Luciape…Roberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...