la spia del posto accanto

sabato mattina ero in aereo per venire a casa.

il signore accanto a me stava leggendo un libro in ungherese.

ma ANCHE in ungherese, lingua della quale non conosco un piffero, pur avendo avuto un compagno di classe al liceo ungherese, e pur avendo tentato di impararlo in gioventù, (non chiedetemi perchè: è un segreto e no, il compagno di classe non c’ entra) potevo capire parole tipo “cellula”, “gamete”, “embriogenesi”e tutte quelle cose lì che si dicono sempre uguali in tutte le lingue del mondo.

mi sono incuriosita come una scimmia. ho finto di leggere “die zeit” e di sguincio continuavo a leggere di sottecchi il libro in ungherese.

alla fine il tipo ha chiuso il libro, non mi ha mandato in culo ma ha preso un laptop e ha iniziato a correggere un articolo in inglese. sant’uomo.

ho letto TUTTO.

interessante. interessantissimo.

modelli di evoluzione basati sui livelli di comunicazione fra le generazioni, molecole autoreplicanti e altre amenità.

in fondo l’ho spiato scrivere: “scritto molto bene, ho solo fatto piccolissime correzioni, potremmo proporlo per il compleanno di darwin”.

ero commossa.

mi sono morsa la lingua per tutto il viaggio, poi alla fine non ho resistito.

“ehm, salve, scusi… lei è un biologo?”

“sì”

“sta andando a pisa?”

“no, all’ isola d’elba, per un convegno di biologia evolutiva”

aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

bello…

cavolo.

gli ho attaccato un pippone della madonna.

mi ha spiegato che ha scritto un libro (che sicuramente leggerò, davvero suona interessante) e che insegna a budapest. mi ha detto che se ci saranno congressi in zona mi avvertirà.

se vi può interessare il tipo (strano tipo devo dire, ma anche io che lo spio di nascosto, che scrivo il mio indirizzo email sul dietro di una busta di carta che lo strappo e glielo consegno con la faccia della bimba che consegna la letterina a babbo natale non devo essergli sembrata tanto normale) si chiama eörs szathmáry, ha scritto un libro insieme a maynard smith che si chiama “le origini della vita”. un capitolo del libro lo trovate qui.

è molto tecnico, ma nei prossimi giorni se trovo del tempo me lo leggo ammodino, poi se qualcuno vuole se ne parla.

magari ci viene fuori un bel pippone… chissà.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a la spia del posto accanto

  1. nico ha detto:

    … mi raccomando, fai presto a leggere il libro perchè non sto nella pelle …

  2. unodicinque ha detto:

    ma leggere Il Corriere dello Sport no eh?!? Vuoi farci sentire tutti degli incapaci ignoranti?!? Guarda che me metto a parla’ de finanza e non certo quella in divisa! :o))

  3. Tamás ha detto:

    Ah, ma io lo conosco Szathmáry Eörs! è un luminare! 1959-ben, Budapesten született. Szakterülete az elméleti evolúcióbiológia. Az ELTE Természettudományi Kar Biológia Intézetének egyetemi tanára. Tagja az Academia Europaeának, tanácskozási jogú tagja a Biológiai Tudományok Osztályának.

  4. zauberei ha detto:

    Ma è una storia romanticissima lucia! e non hai chiesto numi sull’autore dell’articolo?
    Imbucate a budapest che è tanto na’ bella città.

  5. ADBlues ha detto:

    Bella storia…
    Incrdibile le persone che si possono incontrare su un aereo.

    Si potrebbe scrivere un libro.

    —Alex

  6. Simona ha detto:

    Ganzo!!! anche io non avrei resistito al tuo posto..mi ci rivedo nella scenetta!!
    E aspetto il pippone sul suo libro..mi raccomando! imparo sempre un sacco nei tuoi pipponi!!
    smacche smacche!!

  7. Lilith ha detto:

    Quoto la compaesana… W i pipponi di Lucia! :-))))

  8. Simona ha detto:

    ciao Lilith!! un bacio!!

  9. Lilith ha detto:

    A te tesoro! Smack!!!

  10. Felipe ha detto:

    Come mai a me incontri del genere non capitano mai? Sarà perché prendo l’aereo una volta ogni morte di papa. A proposito, Lucia hai per caso creato un profilo su Facebook? Forse dovresti aggiornarlo visto che il luogo di residenza risulta ancora Lussembiurghio.

  11. Mana ha detto:

    Eh, ma quanti misteri irrisolti nella vita di Lucia: prima il Fahrenheit, ora l’ungherese…! Ciao cara, il tuo pupazzo preferito non poteva che essere giorgiocurioso ;-) E mo’ ci aspettiamo il pippone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...