laicismo e laicitá

“dobbiamo difendere i valori dello stato laico senza perderci in una deriva laicista”

questa frase, credo di averla sentita nell´ultimo anno ripetuta in vario ordine almeno un milione di volte. e mi sono sempre chiesta: “ma che é la deriva laicista?” e soprattutto “perché il laicismo deve essere una cosa brutta?”

é perché finisce in ismo. mi dicono. laicismo é come comunismo e come nazismo.

ah.

ma che discorso é?

bisogna essere per la capitalicitá ma non per il capitalismo?

per la socialitá ma non per il socialismo?

io credo che ci siamo ismi buoni e ismi cattivi.

ho da sempre considerato me stessa una socialista, anzi, mi sono considerata una socialista da quando ci siamo liberati di un CERTO partito socialista ma questa é un´altra storia.(certo che cosa terribile che nel nostro paese questa parola ancora evochi piú la milano da bere che la piú grande famiglia politica europea… lasciamo stare che é meglio…) una darwinista, una pacifista, e non ci ho mai visto nulla di male.

copio e incollo dal de mauro:

lai|cì|smo
s.m.
CO
1 corrente di pensiero che rivendica l’autonomia dello stato dall’autorità ecclesiastica sul piano politico, sociale e culturale
2 estens., atteggiamento di chi è laico, di chi intende essere consapevolmente indipendente da scelte aprioristiche e da dogmi religiosi, etici, ideologici, ecc.

a me sembra bello il laicismo.

ho deciso. io prendo la deriva laicista.

brr che paura!!!

:)

Questa voce è stata pubblicata in ruota libera e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a laicismo e laicitá

  1. Simona ha detto:

    Anche io! :)

  2. Giordano Bruno ha detto:

    Ho sempre sospettato di essere uno sporco laicista

  3. Gaetano Salvemini ha detto:

    Anch’io!!

  4. ziubustianu ha detto:

    Brava, anch’io ho spesso messo il dito su questa questione del laicISMO , ma la cosa più sorprendente è che loro (i clericali, o meglio clericalisti, così cataloghiamo anche Ferrara ) intendono per laicità il concetto che ne ha la chiesa cattolica, cioè la libertà di uno stato di adeguare e sue leggi ai dettami morali della chiesa, cioè il religioso è colui che detta le regole ed il laico le accetta democraticamente.
    Si, penso che imbarcandomi sulla deriva laicista mi allontanerei dai dettami del cristianismo cattolicista, aspettatemi che se c’è posto vengo con voi.
    … ma non sarà una cosa pericolosa come certi giochi a Gardaland ?….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...