la bimba e il soldatino

il palazzo granducale ha la guardia fuori. ovviamente non è pittoresca come i soldati con l’orso in testa della regina d’ighilterra o ridicola come le guardie svizzere del monarca di oltretevere, ma nel suo piccolo ha anche lei i giapponesi che la fotografano.
in una bellissima giornata di sole, la giovane guardia stava camminado su e giù con passo marziale. deve essergli sembrato un enorme giocattolo a molla. o un carnevale inventato solo per lei. ma la bimba bionda che passava per piazza delle erbe ha iniziato a giocare col soldato. non ha pensato che il soldato aveva un’uniforme vera, scarponi veri, un fucile vero. non ha forse pensato che era "davvero" un soldato. ai suoi occhi era un giocattolo gigante e basta. e ha fatto quello che tutti i bambini fanno. ha iniziato a giocare. e dopo un pochino si è unita la sua amica. e il soldato, insieme a due bimbe che seguivano ogni suo passo, ha continuato ad andare su e giù, un passo lui un passo loro. e forse per un giorno il granduca ha avuto l’unica guardia d’onore davvero degna di tale nome.
Dscf0044_2

Dscf0045
Dscf0043_2

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a la bimba e il soldatino

  1. Tommaso ha detto:

    Vedo con piacere che conservi la tua sensibilità prévertiana, oltre alla lucidità politica! Volevo giusto mandarti per e-mail una poesia del nostro amico Queneau: già che ci sono la incollo qui sotto, magari nel vasto mondo del web c’è qualcun altro in grado di apprezzarla…

    Une histoire fabuleuse

    La moissonneuse-batteuse-lieuse
    s’en va par monts et par vaux
    elle n’est point paresseuse
    c’est une bonne travailleuse
    et vaut le prix qu’elle vaut

    le taureau roulant ses gros yeux
    se dit: oh la belle bête
    Pasiphaë pesait bien peu
    à côté de cette conquête

    il la séduit aussitôt
    elle en tombe amoureuse
    il me fera un petit veau
    songe-t-elle toute rêveuse

    elle devint mère effectivement
    d’une égraineuse-écosseuse-dénoyauteuse
    et le taureau fut bien content
    car il approuvait les mutants
    et les histoires fabuleuses

  2. lucia ha detto:

    caro tom, grazie grazie grazie. e visto che siamo in tema e che sono appena tornata dal concerto di juliette gréco ti metto qui desnos: la fourmi, che juliette cantava negli anni 50 (quando sia io che te eravamo molto più giovani di adesso!) stasera non l’ha cantata, ma non si può avere tutto!
    Une fourmi de dix-huit mètres, avec un chapeau sur la tête,
    Ça n’existe pas, ça n’existe pas!
    Une fourmi tirant un char plein de pingouins et de canards
    Ça n’existe pas, ça n’existe pas!
    Une fourmi parlant français, parlant latin et javanais,
    Ça n’existe pas, ça n’existe pas!
    Eh, pouquoi pas?

  3. cinzia ha detto:

    i bambini sono dei fenomeni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...